Mercoledì, 09 Settembre 2020 13:58

ALTA TENSIONE/ Consiglio di fabbrica in ArcelorMittal, proposta una informativa alla magistratura sulle condizioni della fabbrica. Non si esclude manifestazione a Roma In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“La riunione del consiglio di fabbrica di ArcelorMittal, presenti anche i delegati dell’indotto, è in corso, si sta svolgendo il dibattito e per il momento stanno emergendo varie proposte sul che fare, e su come rilanciare la vertenza, su cui poi si farà una scelta”. Lo dichiarano ad AGI fonti sindacali. “Sembrerebbe  escluso per il momento uno sciopero - dichiarano le fonti -, mentre c’è chi vorrebbe fare una protesta a Roma, anche se viene osservato che con le restrizioni Covid sarebbe difficile entrare nella Capitale e manifestare. Avanzata anche - aggiungono le fonti sindacali - la proposta di coinvolgere e informare la Magistratura sullo stato della fabbrica perché gli impianti del siderurgico di Taranto ormai non sono più in sicurezza e ci sono gravi rischi per l’incolumità dei lavoratori. Il consiglio di fabbrica dovrebbe chiudersi con un documento unitario”. La convocazione odierna è stata fatta da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm. “La riunione del consiglio di fabbrica di ArcelorMittal, presenti anche i delegati dell’indotto, è in corso, si sta svolgendo il dibattito e per il momento stanno emergendo varie proposte sul che fare, e su come rilanciare la vertenza, su cui poi si farà una scelta”. Lo dichiarano ad AGI fonti sindacali. “Sembrerebbe  escluso per il momento uno sciopero - dichiarano le fonti -, mentre c’è chi vorrebbe fare una protesta a Roma, anche se viene osservato che con le restrizioni Covid sarebbe difficile entrare nella Capitale e manifestare. Avanzata anche - aggiungono le fonti sindacali - la proposta di coinvolgere e informare la Magistratura sullo stato della fabbrica perché gli impianti del siderurgico di Taranto ormai non sono più in sicurezza e ci sono gravi rischi per l’incolumità dei lavoratori. Il consiglio di fabbrica dovrebbe chiudersi con un documento unitario”. La convocazione odierna è stata fatta da Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm. 

Non si esclude una protesta nazionale a Roma per la vertenza ArcelorMittal, ma una decisione specifica la prenderanno le assemblee di reparto che si terranno nel siderurgico di Taranto. È la decisione oggi del consiglio di fabbrica di ArcelorMittal. Sarà inviato un documento alle istituzioni in cui i sindacati riepilogano quelle che ritengono le varie carenze sul fronte degli impianti e della sicurezza sul lavoro, sollecitando il loro intervento.

Ultima modifica il Mercoledì, 09 Settembre 2020 14:55