Venerdì, 04 Settembre 2020 09:40

ALTA TENSIONE/ Oggi in ArcelorMittal il primo dei due scioperi, situazione esplosiva In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 “ArcelorMittal - sostengono le tre sigle metalmeccaniche - prova a creare uno stato di confusione tra i lavoratori e a indebolire lo sciopero dei sindacati. Il Governo, complice del clima di incertezza che vivono i lavoratori e la città, non fa nulla per impedire una situazione che rischia seriamente di diventare esplosiva”.   

   “Non c’è da meravigliarsi di nulla ormai - aggiungono gli esponenti sindacali - solo il Governo continua a illudersi che sia ancora possibile trattare con ArcelorMittal e con l’ad Lucia Morselli. In quanto all’annunciata fermata della Produzione Lamiere, nulla di nuovo - sottolineano - è un ennesimo impianto che si ferma in una fabbrica che si va spegnendo”. E anche i vertici nazionali di Fim, Fiom e Uilm, il 2 settembre, a fronte dell’orientamento dell’azienda di voler riprendere le relazioni sindacali, ritenute “inesistenti” dalle sigle metalmeccaniche, hanno detto all’ad Morselli che questo deve avvenire “coinvolgendo gli stabilimenti e i territori, dove ci sono, a partire da Taranto, enormi problemi aperti”.

   Ma al di là dello sciopero di oggi, è l’insieme del rapporto tra ArcelorMittal e Taranto che segna un ennesimo peggioramento. Il sindaco Rinaldo Melucci manifesta solidarietà agli operai in sciopero ed esprime “rifiuto” verso il modello dell’azienda. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Mario Turco, che il 2 settembre ha incontrato l’azienda per il problema dei mancati pagamenti all’indotto, ha precisato che la cabina di regia che l’11 settembre si riunirà in Prefettura a Taranto deve servire a capire “la reale capacità e affidabilità finanziaria di ArcelorMittal” sul versante del rapporto con i fornitori. “Attendo risposte concrete e tangibili” ha dichiarato il sottosegretario Turco.

   Negativi anche i rapporti con la politica, con M5s che in Puglia, in queste ore, rilancia la chiusura dell’area a caldo del siderurgico di Taranto, come già avvenuto a Trieste e Genova, mantenendo la sola area a freddo, alimentata da semilavorato proveniente dall’esterno. “L’area a caldo inquina - sostiene M5s - danneggia l’ambiente, non è sicura e in Italia sono già state chiuse all’infuori di Taranto”. 

 

 “ArcelorMittal - sostengono le tre sigle metalmeccaniche - prova a creare uno stato di confusione tra i lavoratori e a indebolire lo sciopero dei sindacati. Il Governo, complice del clima di incertezza che vivono i lavoratori e la città, non fa nulla per impedire una situazione che rischia seriamente di diventare esplosiva”.   

   “Non c’è da meravigliarsi di nulla ormai - aggiungono gli esponenti sindacali - solo il Governo continua a illudersi che sia ancora possibile trattare con ArcelorMittal e con l’ad Lucia Morselli. In quanto all’annunciata fermata della Produzione Lamiere, nulla di nuovo - sottolineano - è un ennesimo impianto che si ferma in una fabbrica che si va spegnendo”. E anche i vertici nazionali di Fim, Fiom e Uilm, il 2 settembre, a fronte dell’orientamento dell’azienda di voler riprendere le relazioni sindacali, ritenute “inesistenti” dalle sigle metalmeccaniche, hanno detto all’ad Morselli che questo deve avvenire “coinvolgendo gli stabilimenti e i territori, dove ci sono, a partire da Taranto, enormi problemi aperti”.

   Ma al di là dello sciopero di oggi, è l’insieme del rapporto tra ArcelorMittal e Taranto che segna un ennesimo peggioramento. Il sindaco Rinaldo Melucci manifesta solidarietà agli operai in sciopero ed esprime “rifiuto” verso il modello dell’azienda. Il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, Mario Turco, che il 2 settembre ha incontrato l’azienda per il problema dei mancati pagamenti all’indotto, ha precisato che la cabina di regia che l’11 settembre si riunirà in Prefettura a Taranto deve servire a capire “la reale capacità e affidabilità finanziaria di ArcelorMittal” sul versante del rapporto con i fornitori. “Attendo risposte concrete e tangibili” ha dichiarato il sottosegretario Turco.

   Negativi anche i rapporti con la politica, con M5s che in Puglia, in queste ore, rilancia la chiusura dell’area a caldo del siderurgico di Taranto, come già avvenuto a Trieste e Genova, mantenendo la sola area a freddo, alimentata da semilavorato proveniente dall’esterno. “L’area a caldo inquina - sostiene M5s - danneggia l’ambiente, non è sicura e in Italia sono già state chiuse all’infuori di Taranto”.