Sabato, 01 Agosto 2020 13:25

RIFIUTI/ Il Comune di Taranto riattiva l’impianto per la selezione differenziata In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Il comune di Taranto riprende la gestione pubblica per la selezione del rifiuto secco residuo (plastica, carta, cartone, metalli, alluminio, vetro) proveniente dalla raccolta differenziata. Stanno infatti per terminare i lavori di revamping tecnico e tecnologico dell’impianto "Pasquinelli". Lo annuncia l’assessore all’Ambiente del Comune di Taranto, Annalisa Adamo. “L’ormai prossima apertura dell’impianto, ultimato e pronto all'esercizio, consentirà all'azienda e ai cittadini di Taranto di gestire il processo di valorizzazione delle frazioni nobili di rifiuto con il proprio impianto, cui verranno destinate circa 20 risorse lavorative, assicurando, anche, un importante incremento occupazionale” dichiara Adamo. “Il percorso, seppur complesso, è durato quasi due anni, ma oggi possiamo affermare di aver raggiunto un importante obiettivo per l’intera collettività tarantina e non solo” aggiunge Adamo. L’impianto sarà affidato ad Amiu, azienda del comune di Taranto per l’igiene urbana. 

 

 Realizzato “in tempi brevissimi - rileva Adamo - l’iter autorizzativo e di legittimazione dell’impianto, anche con i consorzi di filiera”. E Amiu Taranto, intanto, corrisponderà a ogni dipendente “un bonus quale segno di riconoscenza da parte dell’amministrazione comunale per il grande impegno profuso durante l’emergenza sanitaria”. Lo ha comunicato al personale il presidente Amiu, Gianpiero Mancarelli. L’idea del bonus proviene dal sindaco Rinaldo Melucci, che dichiara di aver “potuto apprezzare l’abnegazione dei dipendenti di Amiu durante il lockdown. Spirito  di sacrificio e impegno - rileva il sindaco di Taranto - che hanno consentito di tenere la pulita la città in quel frangente così difficile”.

 

Letto 134 volte