Domenica, 26 Luglio 2020 18:43

TEPPISTI IN AZIONE/ Lancio di pietre contro due bus a Taranto, ferito un autista In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Episodio di teppismo nella tarda serata di ieri ai danni dell’Amat, l’azienda dei trasporti pubblici urbani del Comune di Taranto. Due pullman sono stati bersagli di un lancio di pietre. Gli episodi sono avvenuti a Statte, comune poco distante da Taranto, e nel rione Paolo VI, alla periferia Nord del capoluogo. Quest’ultimo l’episodio più grave. In viale Pietro Nenni, infatti, una pietra, colpendo il mezzo, ha ferito anche l’autista che è dovuto ricorrere alle cure dei medici del pronto soccorso dell’ospedale di Martina Franca, dal quale è stato dimesso questa mattina. In corso indagini. Non è la prima volta che i mezzi pubblici Amat sono al centro di episodi analoghi, specie nei quartieri più periferici della città. 

 

 I rappresentanti dell’Amat, l’azienda del trasporto pubblico urbano di Taranto, e del Comune di Taranto si recheranno domani in Procura per denunciare i due episodi di teppismo. Il ferimento dell'autista è avvenuto nella tarda serata, nel quartiere Paolo VI a Taranto, su un autobus della linea 17, mentre quello di Statte, ai danni di un autobus della linea 4, ha visto il vetro della porta posteriore andare in frantumi lasciano illesi autista e passeggeri. Paolo Castonovi, assessore alle  partecipate del Comune di Taranto, esprime, anche a nome del sindaco Rinaldo Melucci, “la piena solidarietà agli autisti degli autobus Amat, oggetto di reiterati atti di vandalismo. All’azienda rinnovo il sostegno nella sua azione quotidiana per fornire a tutti i cittadini un efficiente servizio di trasporto pubblico”. “Non ci faremo intimidire - aggiunge Castronovi - l’Amministrazione comunale continuerà a garantire a tutti i tarantini, anche e soprattutto nelle periferie abbandonate da troppo tempo, attenzione e servizi per una città vivibile nelle cui strade, grazie alla sinergia con le forze dell’ordine, vige la legalità”. “Torno a ricordare - conclude l’assessore del Comune di Taranto - che queste azioni delinquenziali, possono facilmente sfociare in tragedia rovinando irrimediabile la vita delle vittime, ma anche degli aggressori. Non saranno pochi delinquenti incivili a fermarci e per passare dalle parole ai fatti. Lunedi mattina sarò in Procura per denunciare l’accaduto”.