Domenica, 28 Giugno 2020 12:07

MAR PICCOLO/ Riparte la gara, domani negoziazione con le imprese che si candidare a progettare e realizzare la bonifica In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Domani con la fase di negoziazione, riparte la gara del partenariato per l’innovazione relativo al bando per l’affidamento della progettazione definitiva ed esecutiva e della realizzazione degli interventi di risanamento ambientale e messa in sicurezza dei sedimenti nelle aree prioritarie del Mar Piccolo di Taranto, primo seno. La fase è la 2, della dimostrazione tecnologica. Lo annuncia il commissario di Governo per la bonifica di Taranto, Vera Corbelli.

I concorrenti dei Raggruppamenti Temporanei di Imprese (RTI) deputati alla negoziazione e gli esperti dagli stessi indicati, incontreranno da remoto il commissario Corbelli e la commissione giudicatrice per presentare, in modo sintetico, le proposte tecniche ed organizzative e le dimostrazioni tecnologiche proposte. La procedura sarà aggiudicata con il criterio dell’offerta economicamente più̀ vantaggiosa. “Il Mar Piccolo di Taranto - dichiara il commissario Corbelli - rappresenta un elemento di grande pregio sotto il profilo ambientale, economico e produttivo, nel quale però si concentrano aree significativamente compromesse”. “Proprio in ragione della complessità del sistema fisico chimico del Mar Piccolo - sottolinea Corbelli - è stato necessario pensare di sottoporre a dimostrazione in scala reale le diverse tecnologie individuate (bioremediation, capping ed asportazione selettiva), mediante la predisposizione di una apposita procedura giuridico-amministrativa e tecnica basata sulla preventiva verifica e validazione in situ dell’efficacia delle tecnologie, nonché delle eventuali proposte migliorative avanzate dai concorrenti”. Individuati nello specifico 11mila metri quadrati per la bioremediation, 45mila metri quadrati per capping e ricostruzione dell’habitat e 90mila metri quadrati per asportazione selettiva dei sedimenti e ricostituzione dell’habitat “con tecnologie in grado di ridurre gli effetti indesiderati connessi alla sospensione dei sedimenti e alla torbidità della colonna di acqua”. L’importo dei tre contratti che costituiscono l’appalto relativo alla fase di dimostrazione tecnologica è pari a 4.346.250 euro per ciascun dei tre operatori economici ammessi alla fase di dimostrazione tecnologica, l’importo a base di gara è pari ad 1.448.750 euro, mentre l’importo complessivo dell’intero Mar Piccolo è di 32.276.250 euro. 

Letto 155 volte