Mercoledì, 24 Giugno 2020 07:51

FASE 3/ Tour Taranto Opera Festival, un viaggio tra musica, storia e sapori per rilanciare le bellezze della città In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

La valorizzazione dell’immagine di Taranto nella fase post Covid passa anche attraverso nuove iniziative che mettono insieme cultura, turismo ed enogastronomia. Cinque appuntamenti, dal 30 luglio al 27 agosto, per valorizzare Taranto ed il territorio tarantino, sono stati presentati ieri. Si tratta di un tour che unisce storia, musica e sapori, con visite guidate nei luoghi di maggiore interesse storico ed architettonico, percorsi gastronomici pugliesi ed appuntamenti musicali. Il progetto, denominato “Tour Taranto Opera Festival”, è promosso da Taranto Opera Festival, dall’associazione Domenico Savino e dal Comune di Taranto, ha il patrocinio della Regione Puglia e si avvale, tra gli altri, dell’apporto di tour operator, Touring Club Italiano (Taranto) e Banca di Taranto. Il pacchetto di eventi comprende guide turistiche autorizzate, visite al Duomo, alla città vecchia di Taranto, al MarTa, il Museo archeologico nazionale, al Castello Aragonese della Marina Militare, un gran galà musicale o un concerto-recital lirico e, infine, percorsi gastronomici con prodotti pugliesi. 

 

 Gli appuntamenti musicali saranno il 30 luglio, con un recital lirico (Carmela Apollonio, soprano premio Callas 1988); il 6 agosto, con lo spettacolo “Si fa presto a dire galà” (Ensemble Domenico Savino; omaggio a Mario Costa); il 13 agosto, con un nuovo appuntamento dello spettacolo “Si fa presto a dire galà”; il 20 agosto, con “Verdi e Puccini in jazz (Cinzia Tedesco, jazz vocalist e Stefano Sabatini, pianoforte); il 27 agosto, con “Due voci ed un trio” (Francesca Ruospo, mezzosoprano, Antonio Mandrillo, tenore, trio Domenico Savino).Paolo Cuccaro e Pierpaolo de Padova, direttore generale di produzione e presidente del Taranto Opera Festival, hanno oggi dichiarato, nella conferenza al teatro comunale Fusco, che “per la prima volta a Taranto c’è un tour nel festival. La cultura, lo spettacolo, il gusto, le bellezze architettoniche e paesaggistiche - hanno evidenziato - diventano insieme volano per il turismo. Sarà un momento di ripresa e rinascita dopo il blocco dovuto alla pandemia”. Per Fabiano Marti, assessore alla Cultura del Comune di Taranto, “questa città ha voglia di cultura e di bellezza. Rispetteremo le regole del post-pandemia, per quanto riguarda il numero di presenze, raccontando comunque le bellezze di questa città”. Per Marti, “si è sempre parlato del siderurgico. Ci hanno convinto, negli anni, che fosse l’unica possibilità di sopravvivenza di questa città. E’ arrivato il momento di dimostrare che Taranto ha ed è tanto altro - ha affermato Marti -, che può basare la sua rinascita sulla cultura e sul turismo. Dobbiamo creare,ed è ciò a cui sta lavorando questa amministrazione, un percorso parallelo che ci faccia capire che questa città può vivere anche di altro rispetto alla grande industria” ha concluso Marti. 

Letto 133 volte