Martedì, 16 Giugno 2020 20:20

DALLA PARTE DEL TERRITORIO/ Nasce la Fondazione nel ricordo di Giorgio Di Ponzio In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 A due anni dalla scomparsa e in occasione del suo 17esimo compleanno, è stata costituita a Taranto la fondazione Giorgio Di Ponzio, intitolata al ricordo di un 15enne del rione Paolo VI di Taranto morto per una malattia rara e divenuto uno dei “simboli” della città nella lotta all’inquinamento industriale e siderurgico in particolare. La fondazione è stata voluta dai genitori del ragazzo, Angelo Di Ponzio e Carla Luccarelli. Dopo la costituzione dell’associazione “Giorgio Forever”,adesso c’é la Fondazione Giorgio Di Ponzio. La Fondazione - si annuncia - “si propone come presidio scientifico e di assistenza socio-sanitaria al servizio dei cittadini di Taranto, della Puglia e - più in generale - dell’Italia Meridionale nel campo delle patologie correlate all'ambiente”.  “La mission - si afferma ancora - si esplica nel fornire risposte adeguate e scientificamente sostenibili (perché fondate sulla Medicina basata sull’evidenza) ai bisogni sanitari del territorio, inclusa la prevenzione primaria, e nel promuovere attività di ricerca osservazionale, clinica e sperimentale (anche in tema di epigenetica) sulle patologie che riconoscono cause o concause ambientali”. “In tale ambito - si dichiara - si annoverano tutte quelle malattie potenzialmente riconducibili ad esposizioni a contaminanti ambientali, sostanze tossiche e inquinanti, con particolare rifermento ai disturbi endocrino-metabolici, dell’apparato riproduttivo, digerente, cardiovascolare, respiratorio, neurologico e del sistema immunitario, fino alle alterazioni dello sviluppo fetale, del neurosviluppo e alle patologie neoplastiche”. La Fondazione Giorgio Di Ponzio si prefigge di coniugare “la ricerca scientifica e sperimentale con l’assistenza al paziente e il supporto sociale alle famiglie degli ammalati (in particolare dei bambini), indirizzando l’impegno dei ricercatori al fianco dei clinici ambulatoriali ed ospedalieri, in una sinergia costante per migliorare le prestazioni erogate e gli obiettivi di salute”.Nel ricordo di Giorgio Di Ponzio e di tutte le giovanissime vittime dell’inquinamento industriale annoverate da Taranto, nel giorno della scomparsa si svolge anche una marcia silenziosa che sfila nelle strade del centro e che oltre a tanti cittadini, raccoglie anche i genitori che hanno perso maturamente i propri figli. Ad aprile 2019, Carla Luccarelli fu anche protagonista in Prefettura a Taranto di uno “scontro” con l’allora ministro allo Sviluppo economico, Luigi Di Maio, cui contestò il fatto di non essersi adoperato per la chiusura dell’ex Ilva, e in segno di protesta abbandonò la convocazione.