Martedì, 09 Giugno 2020 22:19

SANITÀ/ Consegnato il modulo di terapia intensiva per pazienti Covid realizzato a Taranto con 4 milioni di Bankitalia In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Un modulo di terapia intensiva dedicato ai pazienti Covid, collegato al padiglione di Malattie Infettive ma completamente staccato dal blocco oncologico, é stato consegnato oggi ad Asl Taranto. Sorge all’interno dell’ospedale Moscati di Taranto. Il modulo è stato realizzato dalla Protezione Civile in collaborazione con l’Azienda per lo Sviluppo Sostenibile del Territorio del Regione Puglia, grazie al contributo straordinario della Banca d’Italia: 4 milioni per Taranto e Brindisi.

 

Il modulo ha 20 nuovi posti letto di terapia intensiva dedicati a malati Covid. Si aggiungono ai posti letto, già previsti, istituiti e in via di approntamento, nel Padiglione Infettivi. Sono 28 posti di malattie infettive per pazienti Covid accertati, 18 per pazienti sospetti Covid, 10 per pazienti di terapia subintensiva pneumologica e 8 di osservazione breve per il 118 Covid. Nello stesso padiglione, ci sono anche gli spazi per il servizio della dialisi per pazienti ambulatoriali e una stanza di degenza per eventuali emergenze psichiatriche, ma anche una Tac dedicata esclusivamente ai pazienti Covid. “L’oncologico di Taranto - ha dichiarato il presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano - oggi dispone di 20 posti letto di terapia intensiva. Sono stati predisposti per l’emergenza Covid, ma rimarranno qui per sempre e costituiranno per tutte le esigenze del territorio una sicurezza importantissima e straordinaria. Consentiranno all’oncologico di agire in futuro per la maggiore tutela della salute delle persone, di operare anche con maggiore “arditezza” e soprattutto di avere un margine di sicurezza per le tante necessità dell’oncologia che in passato purtroppo non eravamo in grado di assicurare. Resta il fatto che è anche un dispositivo Covid molto importante”.

Il Moscati di Taranto, ha aggiunto il governatore pugliese Emiliano, “è quello che ha avuto, probabilmente, la migliore performance in guarigioni. È stato uno dei primi - ha aggiunto - a sperimentare i nuovi farmaci e soprattutto, in generale, la provincia di Taranto ha dato una prova nella gestione del Covid molto importante. È vero che Taranto è stata la terra del contagiato numero 1 in Puglia, ma è anche vero che è quella che ha avuto in proporzione meno conseguenze” ha concluso Emiliano.Col fatto che ora al Moscati ci sono solo due pazienti Covid e peraltro in fase di guarigione, l’ospedale a nord di Taranto ritorna alla sua vocazione originaria di Polo Oncologico per la provincia di Taranto con il rientro completo di tutti i reparti oncologici. Sono già rientrati, e sono operativi, il reparto di Ematologia - degenza e day hospital - e la degenza di Oncologia. Il day hospital di Oncologia e il Centro orientamento regionale oncologico rientreranno l’11 giugno, mentre entro il 12 giugno è previsto il rientro del reparto Otorino. Oggi,infine, anche il reparto di Pneumologia ha riattivato al Moscati i posti letto di degenza con i posti di sub-intensiva per pazienti no Covid con 16 posti letto complessivi, di cui 8 monitorati, mentre la settimana prossima verrà riaperta la Rianimazione per i pazienti no Covid.