Mercoledì, 27 Maggio 2020 21:22

FASE 2 bis/ Assalto alle spiagge e movida, il prefetto di Taranto dispone rafforzamento dei controlli In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Come riorganizzare la rete dei controlli e della tutela dell’ordine pubblico in vista dell’estate mentre è già partita la fase 2, quella post emergenza Covid. Il tema è stato al centro di due vertici del prefetto di Taranto, Demetrio Martino: il primo con le forze di polizia, la Capitaneria di porto e il comando del contingente militare impegnato nell’operazione “Strade sicure”, il secondo, invece, con i sindaci della provincia di Taranto. “Specifici approfondimenti - dichiara la Prefettura - sono stati svolti relativamente alle maggiori presenze di persone con rischio di assembramenti, legati alla movida serale e all'afflusso di bagnanti nelle località del litorale”. A tal fine, dichiara la Prefettura, “si è convenuto sulla opportunità di rimodulare il dispositivo di controllo territoriale, assicurando flessibilità ed elevata capacita di intervento operativo”. Tale dispositivo sara attivo gia nei prossimi giorni ed in particolare nel weekend che condurrà alla festività del 2 giugno. In tale ambito, “oltre alla vigilanza su tutto il territorio in ottica preventiva e di responsabilizzazione della comunità sull'importanza di evitare assembramenti e mantenere il distanziamento sociale, sarà applicato - annuncia la Prefettura - un dispositivo di controllo rafforzato sia nelle zone balneari nella fascia oraria diurna, e con la collaborazione di personale della Capitaneria di Porto, che nelle aree maggiormente interessate dalla movida nelle ore serali”. Tutto questo, si precisa, per assicurare il rispetto delle misure anti Covid. 

 

 Il prefetto di Taranto ha anche incontrato a parte, in videoconferenza, i sindaci per un punto di situazione sull'applicazione delle più recenti disposizioni governative. “In tale occasione - dichiara il prefetto Martino - è stata richiamata l'attenzione sulla necessità di indirizzare le comunità, ed in particolare i più giovani, verso comportamenti virtuosi e rispettosi delle misure di contrasto alla diffusione del contagio da Covid 19”. I sindaci delle zone costiere e turistiche sono stati invitati dal prefetto “ad armonizzare, alla luce delle linee guida del Governo e dell'ordinanza del presidente della Regione, i provvedimenti in corso di adozione negli ambiti di rispettiva competenza”. Questo allo scopo di “realizzare una conformità di disposizioni sul territorio a vantaggio dei cittadini che chiedono di poter fruire in sicurezza delle zone balneari e delle aree turistiche”. I sindaci hanno evidenziato al prefetto le “rilevanti difficoltà nelle attività di controllo del territorio e di gestione delle spiagge ad uso libero in ragione della scarsità di risorse umane e finanziarie di cui dispongono le amministrazioni”.