Mercoledì, 27 Maggio 2020 07:40

LA RESA DEI CONTI/ Il sindaco di Taranto “nessun entusiasmo sulla possibilità che ArcelorMittal rimanga” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Mi sembra come quelle partite di pallone dove si fa melina per arrivare ai supplementari. In realtà nessuno vuole tirare in porta il pallone finale, quello vincente”. È critico il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, sugli esiti della 'call conference' tra Governo, Ilva in amministrazione straordinaria, ArcelorMittal e sindacati metalmeccanici sulle sorti del centro siderurgico di Taranto, attualmente gestito in fitto dalla multinazionale. Il sindaco di Taranto è netto: nessun entusiasmo sulla possibilità che ArcelorMittal rimanga.

 

“Non siamo ovviamente soddisfatti delle cose che abbiamo sentito ieri - afferma il sindaco Melucci -, ma prendiamoci anche noi il tempo di capire cosa stanno trasferendo nelle carte. Siamo abituati a valutare i fatti. Se i fatti sono il richiamo ad un accordo del 4 marzo, che era trapelato, che ufficialmente non abbiamo mai visionato e che era già un accordo ampiamente insoddisfacente per la città, non possiamo certo essere entusiasti di quest’annuncio di ArcelorMittal che intende restare”. “Credo che sia soltanto tattica al momento - prosegue il sindaco di Taranto -. Credo che ci sia anche il bisogno del Governo di preservare, per quanto possibile, gli asset in questa transizione, però io non posso che ribadire a tutti gli interlocutori che le priorità della città oggi sono altre. Loro, ieri, hanno abbozzato probabilmente, e mi pare di capire nemmeno senza la soddisfazione delle parti sociali, un accordo di tipo industriale e occupazionale. Ma se io continuo a sentire numeri massimi sulla produzione e sull’occupazione e non sento che c’é in agenda quello che chiede la città, cioè il danno sanitario, il fermo dell’area a caldo, l’arretramento dello stabilimento, tutta una serie di questioni che ormai da tempo abbiamo sollevato, resto ovviamente molto cauto, molto guardingo"

 

"E aspetto - sostiene il sindaco di Taranto - che ci coinvolgano e ci convochino all’interno di una cornice ufficiale che è quella dell’accordo di programma”. Circa l’assenza delle rappresentanze istituzionali del territorio alla call conference che ha visto presenti i ministri Gualtieri (Mef), Patuanelli (Mise) e Catalfo (Lavoro), Melucci ha detto: “Degli 11mila lavoratori - ha affermato riferendosi alla forza lavoro diretta e indotta - abbiamo grande rispetto e siamo solidali”. Ma, ha precisato subito dopo, “non sono tutti cittadini residenti a Taranto. Stiamo parlando probabilmente - ha detto ancora il sindaco di Taranto - di un terzo di tarantini. Poi manca anche un mondo di associazionismo, un mondo datoriale che in questo momento è stato usato da bancomat da ArcelorMittal. Prima quindi di parlare di Sistema Paese, di rappresentatività, dobbiamo avere le idee chiare di cosa è quello stabilimento sul territorio”. “Un’ultima considerazione - ha aggiunto Melucci -. I “matrimoni” si possono anche imporre, ma alla fine si spezzano se non sono naturali, se non ci sono due parti che si incontrano. In questo momento - ha proseguito - qualcuno sopra di noi immagina di poter costruire a tavolino l’ennesimo “matrimonio”. Ma l’altra parte del “matrimonio”, la città, non c’é, non ci sta, non ci sarà a quel tavolo e quindi Mittal o il Governo, e chiunque insieme a loro, saranno comunque in contraddizione, in guerra con questo territorio. E se è questo l’orizzonte cui stanno pensando solo per mettere in equilibrio un po’ di conti finanziari, facciano pure, faranno senza di noi e se ne assumeranno le responsabilità”, ha concluso il sindaco di Taranto.