Domenica, 24 Maggio 2020 08:40

FASE 2 bis/ Spiagge libere in sicurezza, sindaci convocati domani dal prefetto di Taranto per fissare le regole In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Ad oggi non ha aperto nessuno sia sul versante orientale del Tarantino, Leporano e Pulsano, che su quello occidentale, Castellaneta Marina e Ginosa Marina. È uscita nel frattempo l’ordinanza della Regione Puglia sulla nuova stagione balneare e si parte il 25 maggio”. Lo dichiara ad AGI Vincenzo Leo, presidente del Sib, il sindacato imprenditori balneari di Confcommercio Taranto. “I problemi ci sono, vediamo come parte la stagione, che tipo di movimento avremo - afferma Leo -. Nel frattempo, si stanno facendo i lavori, si stanno predisponendo le manutenzioni ma soprattutto le misure di sicurezza che la fase post emergenza Covid 19 ci impone di rispettare , ma il problema non sono le spiagge private, affidate ai concessionari, ma le spiagge pubbliche - prosegue Leo -. Qui cosa accadrà, come verrà rispettato il distanziamento, chi vigilerà? Ecco sono ancora interrogativi irrisolti”. 

 

Dal Comune, si afferma a Castellaneta, è giunta l’assicurazione che a a mare si andrà ma per quanto riguarda l’accesso alle spiagge pubbliche nulla è stato ancora deciso. Si attendono quindi indicazioni operative. “Abbiamo un paio di opzioni che stiamo valutando, intanto il prefetto di Taranto, Demetrio Martino, ha convocato lunedì prossimo tutti i sindaci dei comuni costieri per un punto di situazione - dichiara ad AGI il sindaco di Castellaneta, Giovanni Gugliotti, che è anche presidente della Provincia di Taranto -. Le tre opzioni sono queste: mettere cartelli che invitano al rispetto della sicurezza e del distanziamento tra le persone, e questa è la misura più blanda. Oppure, delimitare la spiaggia libera, installare recinzioni e percorsi di entrata ed uscita e prevedere gli spazi con le relative distanze tra uno spazio e l’altro . Infine, terza ipotesi, ma la voglio vagliare anche con altri sindaci, chiamare gestori di attività private in paese - sia chiaro: non i concessionari dei lidi privati - e offrendo loro la possibilità di installare dei chioschi per la vendita di gelati e bibite, ottenere in cambio la disponibilità ad assicurare la vigilanza sulla spiaggia libera in questione”.

 

Castellaneta, nel versante occidentale del Tarantino, ha un’estensione ampia di litorale e si contano una ventina di lidi privati ed altrettante spiagge pubbliche. Ci sono Comuni della Puglia, nel Salento soprattutto, che hanno pensato di affidare alcuni servizi della spiaggia pubblica ai percettori del reddito di cittadinanza. Ma allo stato tale possibilità di utilizza sembra ancora molto circoscritta e non vagliata da altri comuni. A Castellaneta Marina, poi, dove insistono circa 5mila ville private ed una pineta molto ampia, c’è anche il problema dei locali di divertimento. La località è infatti sede di due grandi discoteche note in tutto il Sud come Nafoura e Cromie, per le quali non ci sono ancora segnali di ripartenza. Il Comune di Castellaneta lancia intanto un messaggio di fiducia postando sulla pagina istituzionale fb questo messaggio con un video: “Qui, tra mare e gravine, la bellezza è ovunque. E tornerà presto ad abbracciarti”. Castellaneta Marina lo scorso anno ha fatto buoni risultati e nei giorni scorsi ha ottenuto la sesta Bandiera Blu consecutiva.