Sabato, 23 Maggio 2020 07:50

CANTIERE TARANTO/ Sbloccati fondi Cipe per 78 milioni di euro In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Finalmente liberate le risorse della delibera Cipe 10/2018, che per la stazione appaltante Comune di Taranto valgono 78 milioni. I primi che davvero vengono assegnati all'ente civico dal Cis Taranto, istituito con la legge 20/2015”. Lo dichiara il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci,a conclusione dei lavori del Tavolo istituzionale Taranto che ha visto presenti a Palazzo Chigi il premier Giuseppe Conte, il ministro per il Sud, Giuseppe Provenzano, e il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, con delega alla programmazione economica, Mario Turco. Collegati da remoto gli altri ministeri, gli enti locali, la Regione Puglia, la Marina Militare, il commissario di Governo alla bonifica di Taranto e l’Autorità portuale. Il sindaco di Taranto parla di “grande soddisfazione per l'Amministrazione comunale, che negli ultimi due anni ha impresso una accelerazione decisiva alla progettazione ed ai lavori relativi alle sue 32 schede”, di cui 15 riferite alla città vecchia. 

 

Schede, rileva il sindaco, “già presenti sul tavolo istituzionale, alle quali, di recente, si sono aggiunte alcune altre schede orientate alle finalità del cosiddetto “Cantiere Taranto” voluto dalla presidenza del Consiglio dei Ministri, che dallo scorso 3 febbraio gestisce direttamente il Cis Taranto”. Tra i nuovi obiettivi, “il Comune di Taranto - afferma il sindaco - auspica esista presto una prospettiva” riferendosi alla riqualificazione e rifunzionalizzazione dell'area dei Docks di Porta Napoli, alla realizzazione della grande Green Belt urbana, alla mitigazione del rischio idrogeologico al quartiere Salinella. Per il sindaco, “Taranto può rimettersi in marcia. Abbiamo ancora da risolvere problemi importanti, specie nel rapporto con la presenza industriale e le bonifiche - commenta Melucci - ma oggi si compie un passo concreto verso la trasformazione della nostra città. Accelera la stagione dei cantieri” e per il sindaco “sarà, in pochi anni, tutta un'altra Taranto, un diverso modello economico. Veniamo ripagati di tanti sacrifici, spesso poco visibili, ma del tutto fondamentali per giungere a giornate come questa”. “Da domani - conclude il sindaco di Taranto - torneremo a lavorare con tutte le istituzioni per capire quanta strada possa fare il Cis Taranto, ovvero come quel tavolo possa diventare la cabina di regia del Just Transition Fund, dei Giochi del Mediterraneo e di un Accordo di Programma sull'ex Ilva”.