Venerdì, 22 Maggio 2020 10:46

IL PRESIDIO/ Toni durissimi verso ArcelorMittal “siete la vergogna di questa città” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Siete la vergogna di questa città”, “Noi con questo bandito non vogliamo più dialogare”: usano toni durissimi, urlando al megafono, i delegati sindacali di Uilm e Fiom Cgil rivolgendosi ai lavoratori di ArcelorMittal che da stamattina sono in presidio sotto la Prefettura di Taranto. “I lavoratori vi hanno dato il sangue e vi danno il sangue ogni giorno”, dicono ancora. “Ri-spet-to, ri-spet-to, ri-spet-to”,  rispondono, ritmando le parole, i lavoratori schierati tutt’intorno. Bersaglio delle accuse è l’azienda, che ormai sembra ad un passo dal lasciare definitivamente l’ex Ilva. I cui impianti ArcelorMittal si è aggiudicata con una gara a giugno 2017, entrando poi a novembre 2018 nella gestione in fitto del gruppo, sino ad allora affidato ai commissari di Ilva in amministrazione straordinaria espressione del Mise.

 

La protesta di oggi a Taranto di Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm (in corso ne è pure un’altra davanti allo stabilimento, indetta da Usb, con 3-400 persone) segue quella di lunedì e di ieri a Genova. Sia nel capoluogo ligure come a Taranto e a Novi Ligure, da una settimana ArcelorMittal ha messo altri mille lavoratori in cassa integrazione. Questo ha acuito le tensioni negli stabilimenti. I lavoratori, lungo il tratto antistante la Prefettura di Taranto, stanno in piccoli gruppi e capannelli. Sono più o meno distanziati tra di loro e portano le mascherine. Di tanto in tanto dai megafoni parte la raccomandazione: “Mi raccomando, stiamo distanziati”, “Dimostriamo che rispettiamo le regole”. Per Biagio Prisciano, segretario Fim Cisl, “Governo, ArcelorMittal e commissari di Ilva in amministrazione straordinaria, il 4 marzo si sono resi partecipi di un accordo e io mi chiedo in che Paese viviamo e che Paese è il nostro. Aspettiamo risposte perché il tempo è scaduto. ArcelorMittal tirasse fuori le carte, scoprisse le carte e dicesse al mondo quale è la sua intenzione. Il Governo - aggiunge Prisciano della Fim Cisl - deve fare la sua parte perché è il garante dell’accordo del 2018”. Quest’ultimo è quello relativo al subentro di ArcelorMittal mentre quello di marzo scorso è un preaccordo legale che riguarda il conflitto giudiziario che lo scorso novembre si era aperto davanti al Tribunale di Milano. E riferendosi all’intesa del 2018,Prisciano dichiara che “per noi si parte da quell’accordo. Siamo stanchi. A Taranto il Governo deve dare risposte ai cittadini, ai lavoratori, alla salute e all’ambiente. Noi lo faremo, tant’è che in concomitanza con la convocazione di lunedì - aggiunge Prisciano riferendosi all’incontro con i ministri - ci saranno 4 ore di sciopero a livello nazionale che a Taranto diverranno però 8. Continueremo quindi - conclude - con la mobilitazione e i nostri presidi”.