Martedì, 19 Maggio 2020 19:46

FASE 2 bis/ Bar, ristoranti e attività che occupano suolo pubblico, a Taranto avranno a disposizione il 50 per cento dello spazio in più In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Bar, ristoranti e attività che occupano suolo pubblico, a Taranto avranno a disposizione il 50 per cento dello spazio in più e potranno fare affidamento su agevolazioni e procedure più snelle. Lo annuncia il Comune di Taranto ed è un provvedimento volto a spingere la fase 2. Fermo restando il distanziamento dei clienti, “chiunque sia già autorizzato all’occupazione del suolo pubblico, potrà gratuitamente richiedere di aumentarne l’estensione fino al 50% attraverso una procedura snella anche in virtù di un accordo preventivo stretto dall'ente locale con Soprintendenza e Asl” annuncia l’assessore alle Attività economiche, Gianni Cataldino. Che annuncia una “sburocratizzazione della procedura anche per le richieste di nuova occupazione”. Il Comune di Taranto precisa che le uniche indicazioni provenienti da Soprintendenza e Asl sono, rispettivamente, che si usino colori tenui e non impattanti per eventuali ombrelloni e suppellettili e che non venga aumentato il numero dei posti a sedere già autorizzati in funzione dei servizi igienici disponibili nei locali. Quest’ultima indicazione, peraltro, sostiene il Comune di Taranto. “è una delle ragioni che hanno reso necessaria questa misura”. Questo, si aggiunge, “per evitare che le norme sul distanziamento sociale si trasformassero in un danno per gli esercenti, costretti a ridurre i posti a sedere a parità di spazio disponibile, si è deciso di concederne di più. Cataldino infine precisa che “anche chi ha un dehors potrà usufruire di questa agevolazione, ma non potrà ampliare la propria struttura: potrà solo diradare i tavoli utilizzando una porzione di suolo pubblico adiacente”.