Sabato, 16 Maggio 2020 16:06

GIOCHI DEL MEDITERRANEO- TARANTO/ Parte oggi il sondaggio per la scelta del simbolo In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Tre simboli-mascotte sono da oggi in gara, attraverso un sondaggio popolare ,e lo saranno sino a giugno, per scegliere quello che risulterà il più votato e rappresenterà i Giochi del Mediterraneo, ventesima edizione, che si terranno a Taranto nel 2026. Si tratta del delfino Ionios, di una figura femminile chiamata Skuma e dell’atleta di Taranto, Ikkos. Sono stati presentati oggi dal sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, nella video conferenza tenuta insieme al presidente del Coni, Giovanni Malagò, e al presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano. I Giochi del Mediterraneo sono sul modello Olimpiadi con l’unica particolarità che sono riservati agli atleti delle Nazioni che si affacciano su questo mare. 

 

“Mi piace poter avviare la fase 2, la fase della ripartenza, con una iniezione di fiducia e di colore” ha detto il sindaco di Taranto. Che ha aggiunto: “In vista del traguardo del 2026, Taranto ce la farà, ne sono certo, e il 20 giugno presenteremo oltre al simbolo risultato vincitore del sondaggio, anche il comitato organizzatore dei Giochi del Mediterraneo”. Si potrà votare online da subito sia sul sito dei Giochi del Mediterraneo 2026 che sulla pagina del Comune “Ecosistema Taranto”, è stato precisato oggi. Mentre il presidente  Malagò, a proposito dei tre simboli in gara, ha detto che “sono tutti e tre molto belli e c’è davvero l’imbarazzo della scelta”. “I simboli richiamano Taranto, la sua storia e la sua identità” ha sottolineato il sindaco. “Sono orgoglioso di allenare una squadra straordinaria, la Puglia, dove c’è un giocatore fantastico che è Taranto” ha commentato il governatore regionale Emiliano.    “Taranto - ha spiegato Emiliano - è la città su cui effettueremo l’investimento nell’immagine della Puglia nei prossimi anni. Vogliamo riportare questa città al ruolo che ha avuto nell’antichità, cioè capitale del Mediterraneo”. Il presidente Emiliano ha quindi citato i nuovi progetti in corso per Taranto, dal rilancio del porto all’acquisizione della sede ex Banca d’Italia per farne la sede del nuovo corso di laurea in Medicina e Chirurgia, ed ha dichiarato che “una volta che avremo superato la pandemia, penso che saremo anche in grado di dare una risposta intelligente ai problemi che abbiamo a Taranto”. E a tal proposito Emiliano ha annunciato che oggi chiamerà il premier Giuseppe Conte per un confronto sia sul nuovo Dpcm in arrivo e per “parlare di altri problemi che riguardano anche Taranto”.