Venerdì, 15 Maggio 2020 23:02

FLASH MOB/ Parte da Taranto #iostoconsilvia per dire no ad ogni forma di violenza In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Ciao a tutti siamo un gruppo di ragazze che dopo aver visto, sentito e subito per l'ennesima volta critiche e violenze da parte di persone ancora non evolute, ha deciso di creare questo piccolo flash mob in un momento storico molto delicato, che necessita fortemente di far sentire la nostra voce. Collettiva, unita, forte e universale!” Esordisce così il messaggio delle giovani tarantine che hanno deciso di organizzare questo momento di sensibilizzazione.

“Abbiamo scelto Silvia Romano come punto di riferimento perché contro di lei si è manifestata più forte la tendenza all'odio che purtroppo ancora affligge la nostra Terra. Non è quindi solo una questione di genere, religiosa o politica, ma si vuole dar voce a tutti gli uomini e le donne che subiscono violenze di ogni tipo.”

E quindi domani sabato 16 Maggio alle 12 chi vorrà aderire all’iniziativa #iostoconsilvia lo farà attraverso la pubblicazione di una propria foto sui social network (facebook, Instagra) accompagnata da questo messaggio

 “L'amore è l'unica fede che può salvarci. 

È chiaro dalle parole di Silvia Romano: "Non arrabbiatevi, il peggio è già passato". Ed è proprio dal suo sorriso che nasce questa iniziativa di sostegno. Siamo ancora schiave di odio, razzismo, maschilismo, fascismo, povertà, violenze, disuguaglianze e pregiudizi. Silvia è adesso un simbolo di ripartenza, spezza le catene dei confini imposti, ci vede tutti uguali  nell'essere uniche e unici, libere e liberi. La bellezza del mondo è questa!

La libertà di espressione e di scelta sono dei mezzi attraverso i quali costruire un mondo nuovo. Ci atteggiamo a paladini del rispetto per la natura e per gli animali ma, dopo aver trascorso mesi chiusi in casa a far finta di prenderci cura di noi stessi manca ancora il rispetto per l'essere umano, per una donna in questo caso. Una donna che ha trascorso mesi lontano da casa, dove non sappiamo cosa sia successo, quali siano state le sue paure e quello che ha vissuto. Dovremmo diventare migliori, o semplicemente UMANI.

#IOSTOCONSILVIA”