Venerdì, 15 Maggio 2020 18:38

FASE 2/ I Comuni della Valle d’Itria puntano sul turismo In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

I Comuni della Valle d’Itria (Martina Franca in provincia di Taranto, Locorotondo e Alberobello in quella di Bari, Ostuni e Cisternino in quella di Brindisi) mettono il turismo al centro della fase 2. Si tratta di una delle aree della Puglia con forte appeal nazionale e internazionale, che cerca di superare le “ferite” del Coronavirus. “Le condizioni di lockdown - dichiarano congiuntanente il sindaco di Ostuni e gli assessori al Turismo degli altri Comuni della Valle d’Itria - hanno costretto tutti noi a cambiare il proprio stile di vita rendendolo anche più lento. Ma la lentezza non ci spaventa perché il turismo lento e sostenibile è sempre stato una nostra caratteristica”. “I nostri Comuni - affermano gli amministratori - hanno lavorato, dall’inizio dell’emergenza, per garantire sicurezza ai cittadini e siamo fortemente impegnati a mantenere gli stessi standard per coloro che verranno a trovarci. Si scrive Valle d’Itria, si legge Bellezza perché questa è la vocazione di questa terra”. 

 

 Per gli amministratori comunali, “camminando fra le stradine che uniscono i Comuni di Alberobello, Ceglie, Cisternino, Locorotondo, Martina Franca e Ostuni si ha la sensazione, nonostante l’appartenenza di queste cittadine a tre province diverse, di essere in un unico territorio. Gli ulivi, i trulli, i muretti a secco, i tratturi, le masserie, il paesaggio che degrada fino al mare adriatico e tutte le nostre peculiarità, fanno di questa terra - dicono ancora gli amministratori dei centri della Valle d’Itria - un luogo singolare dove l’architettura dei padri si fonde con le bellezze naturali, il paesaggio si interseca con le terrazze, il colore bianco della calce dei centri storici riflette la luce riempiendo lo sguardo di una magia senza tempo”. “La Valle d’itria - dicono ancora - si nutre di turismo. È il fulcro della nostra economia e mai come quest’anno è uno dei migliori luoghi in Italia per chi non vuole rinunciare ad una vacanza, è uno posto dove soggiornare in sicurezza senza tuttavia rinunciare al benessere. Trascorrere qui le proprie ferie vuol dire vivere una esperienza di vita, stare distanziati nell’agro diffuso ma fruire di servizi confortevoli e di ottimo cibo, fare una vacanza bella, sicura e non massiva”. 

Letto 95 volte