Domenica, 03 Maggio 2020 20:00

FASE 2/ Da domani il nuovo corso, chi riapre e chi dovrà ancora aspettare In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Domani anche in Puglia ripartono diverse attività manifatturiere, dall’edilizia all’industria, mentre nella pubblica amministrazione, a partire dagli enti locali, non sono previste significative variazioni come presenza fisica sui luoghi di lavoro. Le pubbliche amministrazioni, almeno per ora, proseguiranno con lo smart working dei dipendenti.     Nell’area industriale di Taranto, nel siderurgico ArcelorMittal, ex Ilva, domani non ci sarà alcun rientro. Proseguirà, anzi, la cassa integrazione Covid 19 così come specificato dall’azienda alla vigilia dell’1 maggio ad una serie di dipendenti impiegati nelle funzioni di staff.      La vitalità delle città pugliesi migliorerà un poco rispetto al lockdown che termina oggi, non foss’altro che ovunque i bar riaprono per offrire il servizio da asporto dopo aver già offerto da giorni quello a domicilio. E sono tanti i ristoranti che si sono reinventati non solo col domicilio, ma anche con piatti preparati sino ad un certo punto lasciando poi ai clienti il compito di ultimarli col tocco finale.     Malgrado l’inventiva e la fantasia degli esercenti, il settore della ristorazione resta però in grandissima sofferenza e ovunque in Puglia chiede azzeramento delle tasse locali e robuste misure di sostegno. Ma nelle città mancherà ancora la presenza dei negozi. Il commercio,dall’abbigliamento alle calzature, dalle griffe agli store, resta infatti ancora chiuso e lo sarà sino al 18 maggio, ed è evidente che è proprio questo settore ad animare le strade di città e paesi.     Riaprono poi parchi e giardini, ma non ovunque da domani, perché ci sono ancora località dove i Comuni si stanno attrezzando per vigilanza e controlli. E rimangono chiusi parrucchieri uomo-donna, anche se la Regione sta vagliando con le categorie la possibilità di anticiparne l’apertura, ora fissata all’1 giugno.