Giovedì, 30 Aprile 2020 17:20

LE BUONE NOTIZIE/ I pazienti di Oncoematologia pediatrica di Taranto avranno la scuola in corsia In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Comune di Taranto, Ufficio Scolastico Regionale della Puglia, Asl di Taranto e Ufficio Ambito Territoriale per la provincia di Taranto hanno firmato stamattina un protocollo di intesa per l’istituzione della scuola nel reparto di Oncoematologia Pediatrica dell’ospedale territoriale Santissima Annunziata. Tale servizio, che prenderà il via presumibilmente all’avvio dell’anno scolastico 2020-2021, sarà rivolto agli alunni della scuola primaria e della secondaria di primo e secondo grado. Avrà tra i vari obiettivi, “quello di personalizzare i percorsi formativi, valutare i limiti fisici e psicologici, creare benessere attraverso l’elaborazione di microprogetti di miglioramento come qualificazione dei tempi non occupati dalle cure mediche lettura, gioco, attività pratiche”. L'obiettivo è quello di “lavorare sulle abilità di carattere trasversale (lettura, comprensione del testo, logica), adottare metodologie coinvolgenti, mantenere contatti con la scuola di provenienza, con i compagni di classe, con la propria aula, con la propria vita prima della malattia”.

 

L'organizzazione delle lezioni e il loro svolgimento sarà improntato al pieno rispetto delle necessità terapeutiche di ciascun alunno favorendo l’uso delle tecnologie e permettendo così di superare differenti barriere e ostacoli. Mondo dell’istruzione, Comune di Taranto e Asl Taranto, presenti con i loro esponenti, sottolineano che “fare scuola in ospedale, in questo caso in un reparto particolarmente difficile, portare i maestri in corsia dai bambini malati, è fondamentale per la loro serenità, oltre che per la loro formazione”. “La figura di un insegnante che segue il piccolo in ospedale è positiva sotto molti aspetti - aggiungono - perché costituisce un fattore di 'normalità' non facendolo sentire 'diverso' dai bambini che stanno fuori, ma, soprattutto, è per il bambino un prezioso tramite per una continuità con il proprio vissuto scolastico”. Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, sottolinea come “l’amministrazione comunale, particolarmente sensibile alla necessità di disegnare una scuola assolutamente inclusiva, creda così tanto nel futuro dei bambini da garantire il loro diritto allo studio in ogni condizione. Questa opportunità riteniamo sia una terapia integrativa capace di accelerare il processo di guarigione” e quindi “tornare alla normalità che ogni bambino di Taranto merita”. “Si tratta del primo passo di un più ampio piano dedicato alla pubblica istruzione, in grado di cogliere proattivamente le sollecitazioni che ci sono pervenute da questa emergenza, trasformandole in maggiori opportunità per i nostri studenti", conclude. 

Riaperto l’ospedale San Pio di Castellaneta 

 È stato riaperto l’ospedale  “San Pio” di Castellaneta (Taranto). Attività e servizi  erano stati temporaneamente sospesi dall’8 aprile a seguito di una trentina di casi di Coronavirus verificatisi tra il personale medico e infermieristico. La chiusura è servita ad effettuare la sanificazione degli ambienti.In aggiunta alla sanificazione,  è stato effettuato un monitoraggio di tutto il personale, attraverso l’esecuzione di tamponi e, per circa 100 operatori sanitari, anche test sierologici “per studiare una eventuale correlazione tra la presenza di anticorpi nel sangue e il risultato del test”. Lo annuncia Asl Taranto. La riapertura di oggi segna il completamento di un percorso di gradualità che a partire dal 20 aprile aveva visto la progressiva ripresa di Farmacia Ospedaliera, Unità  Operativa di Patologia Clinica, Laboratorio Analisi, e poi ancora  Cardiologia, Radiologia e l’Unità Operativa di Oncologia. “Le prestazioni e gli interventi che erano stati fissati durante il periodo di chiusura, verranno riprogrammati nei prossimi giorni” annuncia oggi Asl Taranto. Che precisa inoltre che nelle aree comuni sono stati installati dei distanziatori per rispettare le norme anti-contagio e, in linea con le disposizioni ministeriali che regolano l’accesso alle strutture ospedaliere, verrà effettuato il controllo della temperatura corporea a coloro che entreranno in ospedale. Prossimamente, dichiara Asl Taranto, verranno riattivati il Punto Nascita e l’Unità di Terapia Intensiva Coronarica.

    Per il presidente della Provincia di Taranto e sindaco di Castellaneta, Giovanni Gugliotti, “è indispensabile ora il rilancio della struttura, da attuare con il potenziamento di alcuni reparti e soprattutto della realizzazione dell’Utic e della Rianimazione, servizi essenziali, sia per noi sindaci, sia per il piano di riordino regionale, nel quale il  “San Pio” è stato classificato come ospedale di primo I livello”. A tal proposito, Asl Taranto annuncia “che il 20 marzo scorso è stata ultimata la progettazione definitiva per l’intervento di realizzazione dell’Utic e della Rianimazione. Riguardo la ripresa delle attività sanitarie, il sindaco Gugliotti ha dichiarato: “siamo assolutamente soddisfatti. Le nostre priorità riguardavano la riapertura in tempi ragionevoli e la messa in sicurezza sia della struttura che del personale. La Asl ha lavorato in questo senso”