Martedì, 28 Aprile 2020 18:02

FASE 2/ Ordinanza di Emiliano, da domani via libera alla ristorazione da asporto, dal 4 si può andare nelle seconde case, quarantena per chi viene da fuori Regione In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Già da domani 29 aprile in Puglia sarà possibile riattivare le attività di ristorazione con asporto (con divieto di consumazione all’interno e all’esterno dei locali), di tolettatura di animali di compagnia (su appuntamento), pesca amatoriale, manutenzione e riparazione imbarcazioni da diporto e anche accedere ai cimiteri. Da lunedì 4 maggio, invece, sarà possibile recarsi nelle seconde case di proprietà per la manutenzione e rimane obbligatoria la quarantena domiciliare di 14 giorni per chi rientra nella regione. Lo stabilisce una nuova ordinanza del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, in vista dell’avvio della ‘fase 2’, che prevede la ripartenza di alcune attività già da domani.

    Il provvedimento è stato prima condiviso in una lunga riunione questa mattina convocata da Emiliano con il comitato dei sindaci dell'Anci Puglia, alla presenza del professor Pier Luigi Lopalco, responsabile del coordinamento epidemiologico della Regione. Obiettivo dell’ordinanza del presidente, come lui stesso ha spiegato, “è tenere a freno l’epidemia parallelamente alla progressiva ripartenza della ‘fase 2’, modulando a livello regionale la rigidità delle norme nazionali, come sta accadendo anche in altre parti di Italia. Interveniamo subito in alcuni settori e ogni decisione ha alla base sempre un’istruttoria epidemiologica - spiega Emiliano - in particolare da domani 29 aprile consentiamo in Puglia la ristorazione con asporto da parte di bar, pub, ristoranti, gelaterie, pasticcerie con divieto di consumazione all’interno e all’esterno dei locali, la tolettatura degli animali di compagnia previo appuntamento, la pesca amatoriale, manutenzione e riparazione delle imbarcazioni da diporto, l’accesso ai cimiteri. Dal 4 maggio inoltre sarà possibile recarsi nelle seconde case di proprietà per attività di manutenzione”.