Mercoledì, 15 Aprile 2020 17:13

CORONAVIRUS/ La Asl di Taranto avvia un progetto di sostegno psicologico per i sanitari in prima linea contro l’emergenza In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Attraverso il Servizio psichiatrico diagnosi e cura del Dipartimento di Salute Mentale, Asl Taranto avvia un progetto per sostenere quanti tra gli operatori sanitari sono in prima linea nella battaglia contro il Coronavirus. Il progetto si chiama  “Vicini un metro” ed  rivolto al personale dell’ospedale “San Giuseppe Moscati” di Taranto, struttura Covid su base provinciale, e agli operatori del 118. Il progetto prevede una serie di incontri cui potranno partecipare gli operatori “che stanno affrontando in prima linea l’epidemia di Covid-19 al fine di affrontare - si spiega - lo stress da paura, ridurre il senso di isolamento e potenziare la resilienza individuale e di gruppo”. 

 

-Il progetto “trae origine dalla considerazione che lo stress emotivo cui sono sottoposti gli operatori sanitari impegnati in prima linea nella lotta al virus necessiti di un intervento psicologico di elaborazione dei vissuti attraverso percorsi mirati. L’intervento proposto - si evidenzia - mira a preservare la salute psichica degli operatori e migliorare, di conseguenza, la capacità di continuare a svolgere il proprio lavoro riducendo quanto più possibile il burnout nelle sue tre principali dimensioni: esaurimento emotivo, ridotta realizzazione personale, idee negative su di sé”. Asl Taranto spiega che “il metodo utilizzato è quello del defusing, una metodologia di condivisione e rielaborazione emozionale relativa ad un evento traumatico".

 

 "Più precisamente  il defusing consiste in un lavoro di gruppo di rielaborazione degli avvenimenti, finalizzato all’espressione e condivisione delle intense reazioni emotive vissute dalle persone. A questa fase - si aggiunge - ne segue una di psicoeducazione”. Secondo Asl Taranto, “l’intervento riduce il senso di isolamento e aiuta il gruppo a ritornare alla normalità fornendo soluzioni a breve termine”. In dettaglio, il progetto prevede incontri con piccoli gruppi svolti nel rispetto di tutte le prescrizioni di sicurezza (è necessario essere muniti di guanti e mascherine), della durata di 30 minuti ciascuno. Per la partecipazione al gruppo o per richiedere incontri di sostegno individuali, è necessario prenotarsi contattando il numero 099.4585130 dalle 13 alle 14.30 (dal lunedì al sabato) oppure scrivendo all’e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. e specificando il servizio richiesto (individuale, gruppo), nome e cognome, reparto e qualifica professionale.