Martedì, 14 Aprile 2020 09:11

CORONAVIRUS/ È atteso per questa mattina l’esito del secondo tampone cui è stato sottoposto il lavoratore di ArcelorMittal In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

È atteso per questa mattina l’esito del secondo tampone cui è stato sottoposto il dipendente di ArcelorMittal, in forza ai convertitori dell’acciaieria due, che già da ieri è stato individuato come sospetto caso positivo di coronavirus. Il lavoratore, di Massafra (Taranto), che sabato sera, al rientro a casa dalla fabbrica, aveva accusato febbre - ed in seguito era stato trasferito in ospedale con l’ambulanza - è stato già sottoposto ad un primo tampone che nella tarda mattinata di ieri ha dato riscontro negativo. Tutttavia i medici lo hanno tenuto ricoverato al Moscati di Taranto, struttura Covid 19 a livello provinciale, sia per effettuargli il secondo tampone, sia perché, come spiegato da fonti Asl, i risultati radiologici ed ematochimici evidenziano una polmonite, condizione sovrapponibile al Covid. Si attendono nel frattempo anche gli esiti dei tamponi a cui sono stati sottoposti i colleghi di lavoro in squadra con lui nel secondo turno di sabato scorso all’acciaieria 2. 

 

 Sinora nell’acciaieria ArcelorMittal di Taranto si sono verificati due casi, entrambi nel reparto Produzione gas tecnici. Uno ha riguardato un lavoratore ricoverato al Moscati e dimesso nei giorni scorsi, un altro, invece, un asintomatico che è in isolamento nel proprio domicilio. Sono entrambi dipendenti diretti ArcelorMittal. 

    Nell’ospedale Moscati, intanto, secondo l’ultimo prospetto riassuntivo Asl, è stabile il numero dei ricoverati che restano 73. I pazienti sono così distribuiti nell’ospedale: 5 presso il reparto di Rianimazione; 25 nel reparto di Pneumologia; 30 presso il reparto Malattie Infettive e 13 nel reparto di Medicina Covid. Si tratta in quasi tutti, spiega Asl Taranto, di casi di pazienti Covid. Alcuni sono in attesa di primo tampone, altri in attesa di secondo tampone per la conferma. Si è registrato un decesso nella serata del 12 aprile dopo la diffusione del report della giornata. Nel Presidio territoriale di Mottola, adibito a struttura 'Covid post acuzie', ci sono 4 pazienti.