Lunedì, 06 Aprile 2020 14:20

LA STRETTA DEI CONTROLLI / “Sto andando a compare le sigarette” un escamotage che resiste anche ai tempi del coronavirus ma non sempre regge ... In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dichiarano per lo più di essere usciti di casa per comprare le sigarette, ma anche per recarsi da parenti anziani e per le più svariate e fantasiose ragioni non veritiere, i tanti cittadini che, nel Salento, continuano a violare le norme di distanziamento sociale varate per contenere l'epidemia da Covid-19. Malgrado gli appelli a restare a casa, continuano, infatti, ad essere numerose le violazioni riscontrate dalle forze dell'ordine. Nelle ultime ore i poliziotti della questura di Lecce hanno sanzionato due uomini sorpresi a passeggiare uno accanto all'altro e senza alcun dispositivo di protezione, in via don Luigi Sturzo.

 

 Uno dei due, un 62enne, ha anche reagito male ed è stato anche denunciato per oltraggio a pubblico ufficiale. Dieci cittadini leccesi e due persone originarie dello Sri Lanka, sono state sanzionate in quanto, senza validi motivi, si erano allontanate di parecchio dalle proprie abitazioni, passeggiando lungo le vie del centro abitato. Tra gli altri sanzionati, vi sono un uomo del Gambia che ha dichiarato di essere diretto a casa di un suo connazionale per eseguire dei lavoretti, tre uomini che facevano jogging a oltre un chilometro e mezzo da casa, un cittadino dello Sri Lanka che ha detto di dover raggiungere lo studio del suo avvocato, del quale, però, non ricordava il nome. La madre di un minorenne bloccato mentre circolava in motorino è stata denunciata per violazione degli obblighi sulla patria potestà. A Gallipoli, i poliziotti del locale commissariato hanno denunciato sei persone nella sola giornata di ieri perché sorprese lontano dalle proprie abitazioni senza giustificato motivo. In particolare, si tratta di tre sessantenni che, incuranti del forte vento, erano andate in spiaggia a prendere il sole, mentre altre due persone, padre e figlio, erano andate a pescare su una delle riviere cittadine. Durante lo scorso fine settimana, la polizia, in provincia di Lecce, ha controllato 816 persone e 337 esercizi commerciali, infliggendo 42 sanzioni.