Martedì, 24 Marzo 2020 18:10

CORONAVIRUS/ Oggi in Puglia 7 persone decedute, sale a 1005 il numero totale dei contagi, in arrivo 2.800 kit per test rapidi In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Oggi in Puglia sono stati registrati 7 decessi per contagio da coronavirus: 3 nella provincia di Bari, 3 nella provincia di Foggia, 1 nella provincia di Lecce. In totale sono 38 le persone decedute in regione. Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 7.345 test. Il totale dei casi positivi Covid in Puglia è di 1.005, così divisi: 304 nella Provincia di Bari; 62 Bat; 103 Brindisi; 255 Foggia; 161 Lecce; 51 Taranto; 15 attribuiti a residenti fuori regione; 54 per i quali è in corso l'attribuzione della relativa provincia. 

Sono in arrivo in Puglia in queste ore 2800 kit per il test rapido per verificare la presenza di coronavirus tra gli operatori sanitari: ne ha dato notizia  Antonio Delvino, direttore generale dell’IRCCS Istituto Tumori “Giovanni Paolo II” di Bari, la struttura da cui partirà la sperimentazione. "Il test rapido utilizza un metodo colorimetrico, con un prelievo capillare attraverso la puntura del polpastrello - ha spiegao Delvino - in 30 minuti dal prelievo consente di rilevare se sono presenti anticorpi anticoronavirus nelle due tipologie: immunoglobuline M, che marcano la risposta immunitaria precoce, e immunoglobuline G che marcano la risposta immunitaria successiva”. “Le prime evidenze scientifiche ci dicono che le immunoglobuline M compaiono tre/cinque giorni dopo il contagio - ha aggiunto - quindi una positività è molto suggestiva della presenza nell’organismo del coronavirus; le immunoglobuline G starebbero a indicare in soggetti non sintomatici l’avvenuto contatto con il virus ed il superamento dello stesso. Stiamo percorrendo tutte le strade possibili mettendo in campo le competenze diffuse in questo caso nella ricerca per affrontare una situazione tutt’altro che convenzionale. In tale ottica intendiamo verificare se questa sperimentazione rigorosamente controllata può dare un contributo alla gestione dell’epidemia”.