Martedì, 10 Marzo 2020 21:22

CORONAVIRUS/ ArcelorMittal crea un comitato capeggiato dall’ad Lucia Morselli In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Un comitato Covid-19 composto dall’amministratore delegato Lucia Morselli e dai manager preposti ad una serie di funzioni, è stato creato da ArcelorMittal Italia e comunicato stasera, a tutti i dipendenti e le dipendenti di ArcelorMittal Italia, dal direttore del personale Arturo Ferrucci. Il comitato avrà “la finalità di gestire le criticità aziendali che possono emergere nell’operatività dell’azienda in relazione alla situazione sanitaria in corso. Il referentevper l’azienda del comitato è la responsabile Compliance, Flavia Celentano con i suoi collaboratori. Inoltre, ArcelorMittal ha assunto una serie di decisioni in relazione al Coronavirus. Task Force. E’ operativa sul sito di Taranto una task force coordinata dal responsabile del Servizio Sanitario e costituita da tutto il personale medico e infermieristico. Lo scopo della struttura, dichiara Ferrucci, è quello di garantire supporto a tutte le sedi operative di Milano, Taranto, Genova, Novi, Racconigi, Marghera, Paderno, Legnaro. Il servizio medico-infermieristico è attivo h24, attraverso il seguente indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. che dovrà essere utilizzato anche in caso di sospetto contagio. 

 

Negli stabilimenti dove è presente un’infermeria, dispone l’azienda, chi ha sintomi influenzali durante l’orario di lavoro, deve evitare di farsi accompagnare o di recarsi autonomamente, ma deve contattare telefonicamente la stessa Infermeria per avere indicazioni. Nel formulare la richiesta di assistenza dovranno essere spiegate le ragioni per cui si richiede la visita. Trasferte. Tutte le trasferte sia in ambito nazionale che internazionale sono cancellate. Eccezioni particolari saranno autorizzate dal ceo ArcelorMittal. Spostamenti. Per coloro che, motivati da comprovate esigenze lavorative, debbano effettuare spostamenti funzionali all’attività lavorativa, è necessario munirsi di autodichiarazione compilata secondo modulo predisposto dal Ministero dell’Interno. Sanificazione ambienti. Sono state intensificate le attività di sanificazione e igienizzazione dei principali luoghi di aggregazione e transito del personale quali - specifica ArcelorMittal - mense, refettori di reparto, spogliatoi, pulpiti e portinerie. Mense. In tutte le mense, dichiara l’azienda, sono stati installati distributori di gel igienizzanti per mani e il personale deputato alla distribuzione del cibo è dotato di idoneo equipaggiamento protettivo, provvisto di mascherina con filtro e guanti monouso. Il personale è tenuto a rispettare i nuovi orari di accesso rimodulati per evitare l’affollamento nei locali delle mense, nonché il mantenimento della distanza minima di sicurezza, sia nella fila, sia nella disposizione delle sedute ai tavoli. Refettori di reparto. I refettori, comunica il capo del personale di ArcelorMittal, vengono sanificati a ogni cambio turno e gli ingressi devono essere gestiti dal capo turno in maniera frazionata ed equilibrata per non creare assembramenti nei locali e garantire la distanza minima di sicurezza tra i lavoratori. Autobus: i bus interni vengono sanificati a ogni cambio turno e gli autisti sono dotati di idoneo equipaggiamento protettivo. La capienza dei bus è stata almeno dimezzata - assicura l’azienda - per garantire il rispetto delle distanze ed i loro utilizzatori devono verificarne il numero. Terzi. Il personale della Vigilanza, delle Portinerie, i magazzinieri, gli spedizionieri che, nell’ambito della propria ordinaria attività lavorativa, entra in contatto con ditte terze e/o fornitori e/o vettori, è tenuto a indossare apposita mascherina con filtro.