Venerdì, 06 Marzo 2020 05:17

CORONAVIRUS/ Salgono a 19 i casi positivi in Puglia. Aperta un‘inchiesta per il funerale a San Marco in Lamis In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

I casi  risultati positivi al coronavirus  in Puglia sono saliti a 19.

Il Presidente della Regione Michele Emiliano ha fatto il punto della situazione aggiornato Alle 23 di ieri 5 marzo. Sono stati effettuati 36 test in tutta la regione, mentre altri 7 sono in corso (4 test a Lecce e 3 a Foggia). Di questi 5 sono risultati positivi e 31 negativi. È stata accertata la presenza di COVID-19 in un uomo di 76 anni con importanti patologie di base deceduto oggi nella provincia di Foggia. Sarà l’Istituto Superiore di Sanità a dare la definitiva conferma e stabilire il nesso tra infezione da Covid-19 con il decesso, allo stato non provato, quando analizzerà i campioni clinici.

Gli altri 4 casi positivi sono:

• 1 in Provincia di Foggia;

• 2 nella Provincia di Lecce (uno riguarda la moglie di un caso già risultato positivo, l’altro è un uomo che ha avuto un contatto stretto con un caso della Lombardia);

• 1 in Provincia di Bari di un uomo in quarantena già da dieci giorni perché rientrato da regione con focolaio.

I Dipartimenti di prevenzione rispettivamente delle Asl di Foggia, Lecce e di Bari hanno attivato tutte le procedure per l'acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche, finalizzate a rintracciare i contatti stretti.

I casi positivi in Puglia salgono quindi a 19.

“Il lavoro come vedete - scrive Emiliano- continua anche di notte. Migliaia di persone ce la stanno mettendo tutta h24 per gestire al meglio questa fase. Questi aggiornamenti sono in linea con quanto accade nel resto di Italia, per questo non bisogna scoraggiarsi, adesso bisogna solo adottare comportamenti responsabili, prudenti e attenti. Tutt utili le trovate sul sito www.regione.puglia.it/coronavirus.“

Intanto per  il funerale a San Marco in Lamis, durante il quale si è diffuso un contagio da coronavirus, la procura di Foggia ha aperto un fascicolo a carico di ignoti con l'ipotesi di reato di diffusione colposa di epidemia. L'uomo deceduto è poi risultato positivo al virus, circostanza sconosciuta nel momento delle esequie. I pm foggiani, dopo le notizie apparse su alcuni giornali e dopo le dichiarazioni del presidente della Regione Puglia, Michele Emiliano, che ha ritenuto un “errore catastrofico” da parte di un medico legale l'aver rilasciato la salma per i funerali prima di avere l’esito del tampone, avevano aperto una indagine, solo a scopo conoscitivo, senza alcun indagato. Nel pomeriggio di ieri la procura ha ricevuto una prima informativa sulla vicenda, in base alla quale ha aperto una inchiesta a carico di ignoti.

Letto 340 volte Ultima modifica il Venerdì, 06 Marzo 2020 07:19