Martedì, 03 Marzo 2020 14:27

LA DENUNCIA/ Usb “ filmò operaio dimenticato a 80 metri d’altezza, ArcelorMittal lo sospende dal lavoro” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 Un dipendente di ArcelorMittal, che esercita mansione di “Addetto Manutenzione Nastri” presso l’Area Ghisa, ha ricevuto oggi dall’azienda una contestazione disciplinare con sospensione dall’attività lavorativa, lo denuncia l'Usb per cui ArcelorMittal “contesta al dipendente di aver fatto con il suo cellulare un video, poi diffuso attraverso il social, relativo all’episodio verificatosi domenica 16 febbraio, quando un dipendente della società Lemisa, impegnato in attività di copertura del parco fossile 4, cercava di richiamare l’attenzione dei colleghi perché lasciato solo senza possibilità di scendere dall’altezza di 80 metri”. “Quanto avvenuto - comunica Usb - è stato posto inoltre all’attenzione del ministro dello Sviluppo Economico, Stefano Patuanelli”.Il coordinatore provinciale Taranto Usb, Franco Rizzo, afferma di non aver ricevuto il video del lavoratore in questione “che al momento dei fatti si trovava in compagnia di quasi venti persone di diverse ditte, nonché operatori sanitari, Vigili del Fuoco, e addetti alla vigilanza”. “Questa contestazione disciplinare - rileva Usb - sembra un tentativo di coprire l’inadeguatezza delle misure di sicurezza all’interno dello stabilimento e un atteggiamento che mira a generare un clima di tensione ed evitare che qualunque cosa accada all’interno della fabbrica possa venir fuori ed essere denunciata”. Per Usb, “il messaggio è questo: anche se inquino e metto in condizioni di lavorare senza rispetto delle norme sulla sicurezza, devi accettare senza alcuna replica, pena la sospensione o addirittura il licenziamento ”.