Lunedì, 02 Marzo 2020 06:49

CORONAVIRUS / Due nuovi casi in Puglia, una donna di 74 anni e un uomo di 29, entrambi legati alla Lombardia In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sale a cinque il numero di persone contagiate dal Coronavirus in Puglia. Sono infatti risultati positivi al test una donna di 74 anni e un giovane di 29 anni. A comunicare questo aggiornamento è stato nella tarda serata di ieri il presidente della Regione Puglia Michele Emiliano.

“Il laboratorio di microbiologia e virologia del Policlinico di Foggia -scrive Emiliano- ha rilevato nella serata di domenica  un nuovo caso di COVID19: si tratta di una donna di 74 anni, sorella di un uomo contagiato e rilevato positivo all’ospedale di Cremona che era stato in visita in Puglia. Un altro fratello del contagiato in Lombardia è risultato negativo. Tutte le altre persone che sono state in stretto contatto con i contagiati si trovano adesso in quarantena presso i rispettivi domicili e la catena dei possibili contagi è stata così circoscritta. Il tampone è stato inviato al laboratorio di riferimento del Policlinico di Bari per il test di conferma e per il successivo inoltro all’Istituto superiore di Sanità. La donna in questo momento si trova isolata al proprio domicilio in condizioni che non necessitano di ricovero. Gli accertamenti e il prelievo sono stati eseguiti a cura dell'ASL di Foggia che monitora le condizioni cliniche della paziente in stretto contatto con il Policlinico di Foggia. Il caso era già sotto stretta osservazione da parte della Asl di Foggia e circoscritto da qualche giorno perché il sindaco del Comune di residenza, appena informato, con sua ordinanza aveva disposto la quarantena dei soggetti interessati.

Sempre ieri il Laboratorio di riferimento regionale ha rilevato un nuovo caso positivo di COVID19 in Puglia. Si tratta di un uomo di 29 anni che lavora in Lombardia. Il test verrà domani trasmesso all’Istituto Superiore di Sanità per la conferma di seconda istanza.

Dalle prime informazioni riferite dal paziente ai sanitari l’infezione sarebbe stata contratta nella sede di lavoro in Lombardia.

Qui in Puglia il paziente ha avvertito i primi sintomi.

L’ufficio di Prevenzione della Asl di Bari ha avviato l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche e l’attività di contact tracing per provvedere all’isolamento fiduciario domiciliare di eventuali contatti stretti.

Appena l’ufficio di Prevenzione avrà terminato le indagini anamnestiche ed epidemiologiche seguirà nuovo comunicato.

Sono invece risultati negativi gli altri 5 tamponi  analizzati oggi dal Laboratorio per SARS-CoV-2 in tutta la regione. Quotidianamente vengono comunicati a Ministero e protezione civile i dati sui casi sospetti e gli accertamenti in corso. Inoltre, a partire da oggi,  i casi positivi devono essere inseriti nella piattaforma web “Sorveglianza COVID-19” dell’Istituto Superiore di Sanità. Prosegue intanto il lavoro dell’Dipartimento Prevenzione della Asl di Bari per l’acquisizione delle notizie anamnestiche ed epidemiologiche sul caso del 29enne allo stato seguito nel reparto Malattie infettive del Policlinico di Bari.

Vi voglio dire una cosa - è il commento del presidente Emiliano- tutti i casi che abbiamo rilevato sino ad oggi in Puglia, in tutto 5, provengono dalla Lombardia e grazie al lavoro del nostro sistema sanitario e di prevenzione possiamo essere ottimisti sul fatto di averli circoscritti impedendo la loro ulteriore propagazione. Non sappiamo se ci saranno altre contaminazioni da fuori regione ma se ciascuno di noi si comporterà in modo responsabile e prudente potremo ridurre moltissimo i rischi. 

Il primo paziente risultato positivo in Puglia, ricoverato al Moscati, è in netto miglioramento, e questo ci fa capire che questo virus può essere ben fronteggiato.