Domenica, 01 Marzo 2020 18:32

CALCIO/ Il Taranto non sa più segnare. Contro il Gladiator in Campania finisce 0-0 In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(2 Voti)

 

Decisivo un errore a due passi dalla porta di Genchi. I rossoblu terminano la gara con otto under in campo. La società prosegue nel suo silenzio stampa.


di Andrea Loiacono

 

Ennesima occasione persa per il Taranto di mister Panarelli, non tanto per le ambizioni di piazzarsi in grglia play-off, considerata l'utilità degli spareggi, ma per regalare una piccola gioia a una tifoseria che fra clima di contestazione, risultati deludenti e prestazioni discutibili si sta sempre più disamorando dai colori rossoblù. In terra Campana, a Santa Maria Capua Vetere il match tra il Gladiator e il Taranto termina a rete inviolate. Al seguito ci sono un centinaio di tifosi del Taranto che espongono uno striscione : “Presenti per i nostri ideali” più qualche altro appassionato fuorisede. Ad affrontarsi sono due squadre divise in classifica da sette punti con il Gladiator guidato da mister Clemente Santonastaso che ha inizio anno è partito con l'obiettivo della salvezza ma può contare su calciatori come Del Sorbo e Troianiello, quest'ultimo però si accomoda inizialmente in panchina. Mister Panarelli deve rinunciare all'indisponibile Stefano Manzo, operato in settimana alla clavicola per ridurre la frattura rimediata contro il Bitonto. A questa assenza si aggiunge quella di Benvenga per il retaggio della distorsione alla caviglia. Per la seconda gara di fila Genchi si accomoda in panchina. Il modulo è il 4-4-2 con centrocampo a rombo. Sposito tra i pali, Pelliccia, Ferrara, Luigi Manzo e Marino in difesa; Matute davanti alla difesa, Guita a destra, Oggiano a sinistra e Van Ransbechk a supportare il tandem Olcese-Goretta. Taranto in maglia gialla.

 

 

 

Sono proprio i ragazzi di Panarelli a cominciare con il piede sull'accelleratore e guadagna un corner con Goretta. La spinta iniziale del Taranto però viene subito attutita dal Gladiator con un cross pericoloso spazzato da Gigi Manzo. Al 15' una bella ripartenza orchestrata da Marino e Guita viene interrotta per fuorigioco. Il primo tiro della partita viene scoccato al 19' da Olcese che raccoglie una maldestra respinta della difesa neroazzurra e calcia a volo ma il tiro viene parato agilmente da Fusco. Bisogna attendere il 34' per segnalare un altro tiro, questa volta ci prova Goretta su servizio di Olcese ma la conclusione è imprecisa e alta. Il Taranto quanto meno prova a impensierire il Gladiator e lo fa più di inerzia che con trame precise. Al 37' Oggiano guadagna un calcio di punizione da posizione favorevole. La conclusione di Van Ransbeck è deviata in angolo. Sugli sviluppi, il portiere Fusco sventa una palla vagante diventata pericolosa. Al 40' Ferrara e Di Paola vengono ammoniti per reciproche scorrettezze. Per il forte difensore rossoblù, già diffidato, scatterà la squalifica. Nell'unico minuto di recupero della prima frazione, sugli sviluppi di una rimessa laterale Matute si adopera in una rovesciata che viene bloccata centralmente.

 

 

 

La ripresa comincia senza cambi. I primi 5-6 minuti del secondo tempo saranno quelli più densi di emozioni di tutto il match con azioni griffate Taranto. Al 46' dopo un calcio d'angolo per gli ionici c'è una punizione che Van Ransbeck calcia forte e precisa ma Fusco si supera deviando lateralmente. Al 48' c'è il quarto corner per il Taranto. L'angolo viene battuto da Guaita che con una traiettoria precisa pesca Oggiano a limite dell'area, l'esterno sardo lascia partire un fendente con Fusco che si oppone con un'altra grande parata. Al 54' mister Panarelli prova ad aumentare il peso offensivo della squadra inserendo Genchi per Olcese. Al 61' c'è il secondo cambio di Panarelli con Cuccurullo che prende il posto di un positivo Van Ransbeck. Al 63' giunge la prima occasione da gol per il Gladiator con Maraucci che raccoglie un cross di un compagno e prova la conclusione a volo in scivolata ma la sfera termina fuori. Al 67' giunge la palla gol più clamorosa del match ed è di marca Taranto. Ferrara lancia per Goretta che fugge verso l'aria con Genchi, serve proprio Genchi che incredibilmente cicca l'impatto con la sfera a porta vuota. Al 74' entra Masi nel Taranto al posto di uno stanco Oggiano. Al 79' il Taranto parte in contropiede ma Matute prima e Matute poi non finalizzano. All'82' entra Avvantaggiato per Goretta, deludente la sua prova. All'82' viene ammonito Pelliccia. All'83' il Gadiator guadagna un angolo sui cui sviluppi Gigi Manzo perde la marcatura di Sal che colpisce di testa colpendo il palo esterno. All'86' entra Serafino, giovane prodotto della juniores del Taranto. Il Taranto ci prova con un arrembaggio finale; all'87' un tiro di Cuccurullo termina però alto. La gara finisce dopo 5' di recupero sullo 0-0. Per il Taranto giunge il secondo pari a reti inviolate consecutivo dopo quello di domenica scorsa in casa col Bitonto. I rossoblù raggiungono quota 40 punti. Restano invariate le distanze dal quinto posto occupato attualmente dal Casarano a quota 42 che quest'oggi ha pareggiato 0-0 sul campo dell'Altamura.

Letto 105 volte Ultima modifica il Domenica, 01 Marzo 2020 18:36