Venerdì, 07 Febbraio 2020 08:40

IMPRESE/ Shell Italia attua l’intesa con il Comune di Taranto, i dettagli del Piano In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il programma di Shell Italia per sostenere giovani imprenditori e start up lanciato oggi anche a Taranto, è attivo da dieci anni in Basilicata, essendo Shell uno dei soggetti della joint che si occupa dei giacimenti lucani Val D’Agri e Tempa Rossa. A Taranto, invece, il programma attua l’intesa che la compagnia, insieme ad Eni, Total e Mitsui, ha firmato col Comune di Taranto nel 2018. Con la raffineria Eni, infatti, Taranto è un importante snodo per i due giacimenti della Basilicata. Oggi, nella conferenza stampa di Taranto, Shell Italia ha fatto anche un punto più complessivo sull’attività condotta in Basilicata col suo progetto per giovani e start up. È emerso che sono 16 le imprese lanciate in differenti settori economici, mentre 15 imprese, già costituite prima di partecipare al programma, sono state supportate con formazione e consulenza per lo sviluppo dei rispettivi business. Sul piano della partecipazione, poi, circa 800 i ragazzi iscritti, 500 quelli che hanno concluso il percorso formativo “Idee Brillanti + Diventare un imprenditore di successo” e infine 200 quelli che hanno partecipato ai workshop di settore.

 

Shell - partner di Eni per Val D’Agri e di Total e Mitsui per Tempa Rossa - con questo progetto della costola italiana, è stato evidenziato oggi a Taranto, “ha consolidato relazioni e reti sul territorio favorendo la crescita dei giovani imprenditori nati grazie ad esso o che hanno partecipato al programma avendo già avviato un’attività imprenditoriale”. Nello specifico, durante i 10 anni di esperienza in Basilicata sono stati erogati 60 workshop “Idee Brillanti”, 25 corsi diventare un imprenditore di successo e 10 workshop di settore. Il programma, inoltre, ha garantito 3 anni di consulenza continuativa gratuita “one to one” per lo sviluppo di ogni singolo business. In Lucania, partner di Shell Italia sono Regione Basilicata, Università di Basilicata e Confindustria Basilicata. Il programma è diretto a tutti i giovani (uomini e donne) domiciliati in Basilicata che abbiano un’età compresa tra i 18 e i 35 anni e che abbiano conseguito il diploma di scuola superiore. Per il progetto che parte oggi a Taranto, i requisiti sono età minima 18 anni, domicilio a Taranto e provincia, diploma scuola superiore. L’accesso al programma avviene tramite compilazione di un apposito application form.  Non è prevista una selezione in ingresso dei partecipanti.

 

A Taranto, nel 2020, verranno erogate,  due volte nell’anno, le attività formative e di consulenza attraverso 7 workshop suddivisi in 3 moduli. Quanto oggi annunciato da Shell Italia, si riallaccia al protocollo di intesa che ad aprile 2018 Eni, Total, Shell e Mitsui hanno sottoscritto col Comune di Taranto. L’intesa firmata col sindaco Rinaldo Melucci - è stato ricordato oggi - prevede due linee di azioni: la realizzazione del programma di compensazione e riequilibrio ambientale e per lo sviluppo sostenibile, dopo il procedimento che ha portato all’Autorizzazione unica dei lavori in raffineria da parte del Mise, e la cooperazione economica e sociale. Nel senso che Total, Shell e Mitsui, in collaborazione con Eni, si impegnano a definire con il Comune di Taranto “progetti duraturi nell’ambito economico-sociale e culturale ad alto contenuto locale nell’ottica di una cooperazione di reciproco interesse e di lungo termine”. Attuando la prima linea di azione, l’anno scorso è stato sottoscritto tra Comune di Taranto, Provincia di Taranto ed Eni un protocollo che lancia una serie di interventi di riassetto infrastrutturale in città del valore di 6 milioni di euro. Tali interventi riguardano tra l’altro la manutenzione straordinaria di strade ed edifici pubblici. (AGI)