Mercoledì, 29 Gennaio 2020 12:08

IL RICORDO/ E’ venuto a mancare Angelo Rusciano, per 40 anni capo di Gabinetto della Provincia, il “dottore” era il nostro faro, si chiude un’epoca ... In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

di Ingrid Iaci

Si chiude un’epoca per la Provincia di Taranto. 

È venuto a mancare nel tardo pomeriggio di ieri colui che ha ricoperto il ruolo di Capo di Gabinetto per circa 40 anni, Angelo Rusciano. 

Sono in ufficio con quei pochi di noi rimasti e sopravvissuti alle intemperie che hanno travolto le Province e sono in contatto con gli ex colleghi che hanno collaborato con lui. È un susseguirsi di ricordi, aneddoti divertenti, momenti indimenticabili che resteranno  impressi nella nostra memoria. 

Il “dottore” era il nostro faro, una presenza rassicurante per noi suoi stretti collaboratori e per tutti i vari Presidenti, assessori e consiglieri che si sono avvicendati negli anni.

Fine conoscitore del mondo dello spettacolo, a lui si devono le rassegne di Provincia Estate degli anni 90, e tante altre manifestazioni culturali, musicali, teatrali, pubblicazioni che hanno arricchito il patrimonio culturale di questo territorio. 

Altri tempi, si, sembra una vita fa, quando la Provincia poteva “contare” su risorse economiche ed umane, numeri che non esistono più.

In tutti questi anni, non c’è stato giorno in cui non ci siamo chiesti come sarebbe stato se lei, dottore, fosse stato ancora qui con noi a fronteggiare i tagli, la riforma, l’avanzare incalzante della tecnologia. Dottore,  mi perdoni, ma questa la devo dire, è rimasto memorabile il suo “incolla-incolla”, il suo massimo sforzo verso la tecnologia che per lei si era fermata al fax. 

Ma per tutto il resto, lei dottore, era un balzo avanti a tutti, maestro di cerimoniale, uomo d’onore e delle istituzioni. 

Un signore.

Un esempio.

Altri tempi.