Lunedì, 27 Gennaio 2020 18:36

L’ALLARME/ I sindacati chiedono ad Arpa e Ispra di fare chiarezza sull’accensione delle torce in ArcelorMittal In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 I coordinatori di fabbrica ArcelorMittal, ex Ilva, di Taranto, di Fim Cisl, Fiom Cgil e Uilm Uil, hanno scritto ad Arpa Puglia, l’Agenzia per la protezione ambientale della Regione Puglia, e all’Ispra, l’Istituto per la protezione e la ricerca ambientale, per avere “i report del campionamento ambientale al fine di verificare eventuali ricadute di carattere ambientale”. Le sigle sindacali metalmeccaniche si riferiscono a quanto accaduto nel tardo pomeriggio di ieri a Taranto, cioè “all’accensione, per alcune decine di minuti, delle torce afferenti alla rete di distribuzione del gas coke”

 

A Ispra i sindacati chiedono di verificare le cause “che hanno generato l’evento incidentale con particolare riferimento alla corretta attuazione delle misure di sicurezza per la tutela della salute e dell’ambiente, così come previsto dalle prescrizioni del Dpcm del 29.9.2017”. E in merito all’episodio denunciato dalle sigle sindacali, fonti ArcelorMittal spiegano che l’accensione delle torce del siderurgico di Taranto è una procedura che rientra nella normale gestione della rete. Nello specifico, si afferma, in valori di riferimento Aia non sono stati superati e non si registrano problemi di nessuna natura. Ieri, infatti, fiamme si sono levate in alcuni punti del siderurgico (visibili anche della città), in un’ampia zona il cielo è diventato rossastro, e molte segnalazioni allarmate di cittadini,residenti nei quartieri Tamburi e Paolo VI, più vicini alla fabbrica, hanno parlato di “aria pesante e irrespirabile”. Fonti aziendali spiegano che il gas prodotto dalle batterie coke e normalmente stoccato nei gasometri di stabilimento, è stato bruciato in torcia. L’apertura delle torce - si chiarisce - si rendeva necessaria per eccessivo riempimento dei gasometri dedicati. Precisamente, la prima torcia ad accendersi è stata quella presso la batteria 10, la seconda è stata la torcia Cet/Ceb. L’accensione durava circa 15 minuti. Appena bilanciata la rete, concludono le fonti dell’azienda, le torce sono state spente.