Venerdì, 20 Dicembre 2019 16:42

L’INTESA/ Memorandum congiunto di commissari Ilva e ArcelorMittal per il Tribunale di Milano In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 

Tre i punti : decarbonizzazione, tutela lavoro, ingresso

Stato in società 

 


Decarbonizzazione dell’acciaieria, per abbattere le emissioni inquinanti, ingresso dello Stato nella compagine societaria, e tutela dell’occupazione: sono questi i punti principali del memorandum congiunto, Ilva in amministrazione straordinaria e ArcelorMittal, presentato stamattina al tribunale di Milano per ottenere il rinvio dell’udienza per la discussione del ricorso cautelare urgente col quale Ilva si è opposta all’atto di recesso dal contratto di fitto del gruppo siderurgico da parte della stessa ArcelorMittal. Lo apprende Agi. Il fatto che le parti siano addivenute, dopo non poche difficoltà, ad un testo congiunto e il rinvio dell’udienza sul quale deciderà il giudice, stanno a significare che sia Ilva in as che ArcelorMittal continueranno a negoziare nelle prossime settimane, dopo gli incontri di questi giorni, per arrivare ad una intesa sulla 'nuova' Ilva. Se poi la trattativa che prosegue nel nuovo anno approderà ad un risultato finale, è tutto da vedere e verificare perché su diverse questioni le parti non hanno affatto la stessa visione. Il testo congiunto è delle ultimissime ore perché sino a ieri sera si profilava solo una richiesta di rinvio dell’udienza solo da parte di Ilva ma per ragioni tecniche, ovvero per la necessità di studiare la memoria difensiva relativamente al ricorso cautelare presentata lunedì sera da ArcelorMittal al Tribunale di Milano.

 

 Nel pre-accordo siglato da ArcelorMittal e Ilva in amministrazione straordinaria si fa riferimento a "un impegno da parte di un'entità di proprietà dello Stato a investire nel capitale sociale di AM InvestCo". "In relazione agli obiettivi ambientali, sociali e industriali stabiliti nel Nuovo Piano Industriale - si legge nel documento -  le parti riconoscono che AM InvestCo ha bisogno di capitale aggiuntivo e, pertanto, dovrà essere dotata (da parti diverse da ArcelorMittal) di risorse azionarie, per un importo complessivo non inferiore al corrispettivo concorda". Sull'aspetto ambientale, si precisa che "nel contesto e nell'ambito del Nuovo Piano Industriale, sarà costituita una nuova società finanziata da azionisti pubblici e/o privati ("Newco") al fine di implementare e gestire, tra l'altro, ulteriori impianti di produzione di tecnologia verde nel sito industriale di Taranto".