Giovedì, 05 Dicembre 2019 07:24

LO STRAPPO / Rinviato a gennaio il Tavolo istituzionale Taranto, il Pd ionico “Ci si dica perché, questo è uno schiaffo alla città” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sconcertante. La riunione al Mise rappresenta il punto più basso mai registrato in questa vertenza”. Lo dice il Pd di Taranto sulla crisi ArcelorMittal, ex Ilva. “Riunione - rileva il Pd di Taranto col segretario provinciale Giampiero Mancarelli - che si è conclusa, purtroppo, senza una chiara prospettiva sul piano industriale e sul piano ambientale. L'ipotesi dei 3000 esuberi subito a cui si aggiungono altri 3000 nel 2023 non ha, ad oggi, alcuna copertura economica. È urgente, pertanto, prevedere adeguate coperture economiche. Da subito. In legge di bilancio. A protezione dei lavoratori” chiede il Pd. “Diciamo subito no - rilevano i Dem - a qualsiasi ipotesi di utilizzo delle risorse in capo alla Amministrazione straordinaria Ilva per la cassa integrazione. Quelle risorse servono solo e soltanto alle bonifiche”. Ma per il Pd di Taranto “sconcertante è ancor di più la decisione di Mittal di non far ripartire l’alfoforno 5 secondo le prescrizioni ambinetali entro il 2023. Nessun forno elettrico - si rileva - potrà mai garantire gli stessi livelli di produzione, gli stessi livelli di qualità dell'acciao, e gli stessi livelli occupazionali. Senza dimenticare che il forno elettrico è altamente energivoro comportando un aumento di CO2”. “Gravissima è poi - dice il Pd -la contestuale decisione di oggi del ministro Patuanelli di rinviare il Cis Taranto (Contratto istituzionale di sviluppo) convocato in maniera permanente dal 18 dicembre. Singolare è aver convocato in maniera permanente un tavolo che, poi, viene rinviato a gennaio. Chiederemo, senza indugio, di conoscere le motivazioni che sottendono tale gravissima decisione e che agli occhi della comunità tarantina sono uno schiaffo ingiustificato”. “Chiarisca subito il ministro Patuanelli la prospettiva che si vuole dare alla questione Taranto. Come Partito Democratico Ionico - afferma il segretario provinciale  Mancarelli - chiederemo a tutte le nostre rappresentanze istituzionali di mantenere alta l'attenzione e di vigilare affinché le criticità che si stanno manifestando vengano dissipate quanto prima”