Cronaca, Politica & Attualità

Cronaca, Politica & Attualità (4563)

Cronache e ultime notizie. Aggiornamenti e approfondimenti in tempo reale dalla Puglia

Il vice ministro dello Sviluppo economico, Alessandra Todde, riferirà al ministro Giancarlo Giorgetti il “quadro fortemente critico” su Acciaierie d’Italia, ex Ilva, che nel pomeriggio gli hanno prospettato in un incontro in Prefettura a Taranto i sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm, Usb e Ugl. Lo riferiscono gli stessi sindacati dopo il confronto. Erano stati i sindacati a chiedere a Todde un incontro vista la sua visita a Taranto. Alla riunione in Prefettura erano presenti anche il vice presidente M5S e senatore, Mario Turco, e il prefetto di Taranto, Demetrio Martino. “Al vice ministro abbiamo detto chiaramente che un altro anno così, con questa gestione, visto che si parla di rinnovo del contratto, non si può assolutamente andare avanti”, dichiara all’AGI Francesco Brigati della Fiom Cgil. “Il vice ministro - afferma - è consapevole della situazione di Taranto. Ha ascoltato le nostre denunce e preoccupazioni in merito al piano industriale,…
Alla vigilia della conferenza stampa di presentazione della manifestazione contro l’inquinamento “Stop al sacrificio di Taranto” che si svolgerà domenica 22 in piazza Garibaldi, a Taranto, all’indomani della quarta condanna del CEDU per violazione dei diritti dell’uomo in relazione alle emissioni dell’ex Ilva, il presidente di Peacelink Alessandro Marescotti, dalla sua bacheca facebook rivolge al mondo ambientalista un appello all’unità. Un’unità che rischia di sgretolarsi nella roventissima campagna elettorale che vede esponenti di quel mondo schierati in compagini e coalizioni diverse. Ecco il testo del messaggio. “Si presenteranno per le elezioni comunali di Taranto tante persone amiche e con cui ho collaborato nella lotta contro l'inquinamento dell'#ILVA. Persone come ad esempio Aldo Schiedi, Antonio Lenti, Fulvia Gravame, Luca Contrario, Milena Cinto, Piero Piliego, Stefania Petaro, Vincenzo Fornaro. E altre ancora. Sono persone preziose per questa città. Mi piacerebbe che tutte potessero essere elette, collaborando per il bene comune. Le ho…
Dopo il no della Procura di Taranto al dissequestro degli impianti dell’ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia, gli avvocati di Ilva in amministrazione straordinaria, società proprietaria degli stessi impianti, attendono la decisione della Corte d’Assise di Taranto. È questo infatti il verdetto che conta. Se anch’esso fosse negativo, i legali avranno dieci giorni di tempo per impugnare il provvedimento al Tribunale del Riesame. A valle dell’istanza dei legali della società proprietaria degli impianti siderurgici, quello depositato oggi dalla Procura è infatti solo un parere. La decisione, invece, toccherà alla Corte (ma non ci sono previsioni temporali al riguardo) che a fine maggio dello scorso anno, con la sentenza del processo “Ambiente Svenduto” (i gravi reati ambientali contestati alla vecchia gestione Riva, cioè prima del commissariamento di Stato), ha disposto la confisca degli impianti su richiesta dei pubblici ministeri. E qualora anche il ricorso al Tribunale del Riesame desse esito sfavorevole per…
La Procura della Repubblica di Taranto ha espresso parere negativo in merito al dissequestro degli impianti siderurgici dell’ex Ilva, ora Acciaierie d’Italia. Lo si è appreso oggi. L’istanza era stata avanzata a fine marzo scorso dagli avvocati di Ilva in amministrazione straordinaria alla Corte d’Assise di Taranto in vista delle scadenze contrattuali di fine maggio 2022 tra la stessa Ilva e Acciaierie d’Italia. E cioè passaggio dello Stato al 60 per cento del capitale di Acciaierie d’Italia ed acquisto dei rami di azienda da Ilva in amministrazione straordinaria. Due passaggi cruciali legati però all’ottenimento del dissequestro. L’istanza è stata presentata alla Corte perché a maggio 2021 il collegio, con la sentenza del processo Ambiente Svenduto, è stata proprio la Corte ad aver disposto, su richiesta della pubblica accusa, la confisca degli impianti. Quest’ultima, però, scatterebbe solo dopo il verdetto della Corte di Cassazione. Dopo il parere negativo della Procura, sarà…
Anticiclone Hannibal, tutti al mare in barba alla prova costume. Temperature hot, niente mascherine e voglia di stare all'aperto sono le motivazioni che hanno spinto le persone ad affollare numerose le spiagge del litorale ionico. Ma a partire da martedì le temperature rientreranno nelle norma delle medie stagionali.
Quattro candidati sindaco, centrosinistra e centrodestra raggruppati in due grandi contenitori, rispettivamente “Ecosistema Taranto” e “Grande Alleanza per Taranto”, 27 liste ai nastri di partenza. Sono i dati principali delle comunali di Taranto - nel giorno conclusivo della presentazione delle liste -, una delle grandi città meridionali chiamata al voto di giugno insieme a Palermo, Messina e Catanzaro. I candidati sindaco sono Rinaldo Melucci, del Pd, sindaco uscente per il centrosinistra; Walter Musillo, ex segretario del Pd anni addietro e ora di area civica per la coalizione che unisce centrodestra (FI, FdI e “Noi per l’Italia”, il nome con cui la Lega ha scelto di correre a Taranto) e civici di varia estrazione; Massimo Battista, consigliere comunale uscente, e Luigi Abbate, a capo di altri schieramenti. Rispetto alle comunali di giugno 2017, c’é una forte riduzione sia di liste che di candidati sindaco. Il centrosinistra per Melucci è stato il…
Quattro candidati sindaco, centrosinistra e centrodestra raggruppati in due grandi contenitori, rispettivamente “Ecosistema Taranto” e “Grande Alleanza per Taranto”, 27 liste ai nastri di partenza. Sono i dati principali delle comunali di Taranto - nel giorno conclusivo della presentazione delle liste -, una delle grandi città meridionali chiamata al voto di giugno insieme a Palermo, Messina e Catanzaro. I candidati sindaco sono Rinaldo Melucci, del Pd, sindaco uscente per il centrosinistra; Walter Musillo, ex segretario del Pd anni addietro e ora di area civica per la coalizione che unisce centrodestra (FI, FdI e “Noi per l’Italia”, il nome con cui la Lega ha scelto di correre a Taranto) e civici di varia estrazione; Massimo Battista, consigliere comunale uscente, e Luigi Abbate, a capo di altri schieramenti. Rispetto alle comunali di giugno 2017, c’é una forte riduzione sia di liste che di candidati sindaco. Il centrosinistra per Melucci è stato il…
Quattro candidati sindaco, centrosinistra e centrodestra raggruppati in due grandi contenitori, rispettivamente “Ecosistema Taranto” e “Grande Alleanza per Taranto”, 27 liste ai nastri di partenza. Sono i dati principali delle comunali di Taranto - nel giorno conclusivo della presentazione delle liste -, una delle grandi città meridionali chiamata al voto di giugno insieme a Palermo, Messina e Catanzaro. I candidati sindaco sono Rinaldo Melucci, del Pd, sindaco uscente per il centrosinistra; Walter Musillo, ex segretario del Pd anni addietro e ora di area civica per la coalizione che unisce centrodestra (FI, FdI e “Noi per l’Italia”, il nome con cui la Lega ha scelto di correre a Taranto) e civici di varia estrazione; Massimo Battista, consigliere comunale uscente, e Luigi Abbate, a capo di altri schieramenti. Rispetto alle comunali di giugno 2017, c’é una forte riduzione sia di liste che di candidati sindaco. Il centrosinistra per Melucci è stato il…
Numerosi procuratori presso i Tribunali dei minori, tra cui la dott.ssa Antonella Montanaro, del Tribunale dei minori di Taranto, hanno firmato un appello evidenziando le criticità della riforma. Ecco testo e firmatari dell’appello La legge n. 206/2021 ha rivoluzionato la giurisdizione minorile e di famiglia, istituendo il “Tribunale per le persone, i minorenni e le famiglie”: a fronte dell’iniziale valutazione positiva in ordine all’istituzione di un Tribunale unico competente a trattare l’intera materia riguardate la famiglia ed i minori - comprese le attuali competenze ora spettanti ai Tribunali Ordinari - in quanto rispondente alla necessità di concentrazione delle tutele, e di evitare sovrapposizioni e contrasti, dobbiamo constatare che tale riforma andrà, di fatto, a snaturare il sistema della Giustizia Minorile a favore di un organismo sulla cui efficacia non possiamo che nutrire serissime preoccupazioni. L’impostazione complessiva della riforma ha risentito della mancata effettiva conoscenza del sistema minorile vigente, riducendone la…
La coalizione del centrosinistra che ha ricandidato a sindaco l’uscente Rinaldo Melucci, del Pd, ha presentato oggi tutte le liste che la costituiscono. La coalizione si chiama “Ecosistema Taranto” e vede tra l’altro alleati Pd e M5S sulla scorta di quanto già fatto mesi addietro a Napoli con il sindaco Gaetano Manfredi, ex ministro dell’Università nel governo Conte II. Le liste a sostegno di Melucci sono 11: Partito democratico provinciale di Taranto, Movimento 5 Stelle, Più CentroSinistra Taranto Emiliano, Partito socialista italiano Taranto e Partito repubblicano italiano, Europa Verde-Verdi Taranto, CON Taranto, Taranto Crea, Taranto 2030, Taranto Popolare, Taranto Mediterranea e Autonomi e Partite Iva-Eugenio Filograna. Quest’ultimo si era candidato a sindaco per il suo movimento ma nei giorni scorsi ha ritirato la sua candidatura convergendo con una lista su Rinaldo Melucci. “Le liste sono depositate, la coalizione è completa, compatta e il meglio viene adesso” ha commentato Melucci. Questa…
Pagina 11 di 326