Cookie Consent by Free Privacy Policy Generator
Preferenze sui cookie
Giornale di Taranto - Cultura, Spettacoli & Società

Quattro serate per tutti al Parco Cimino con cabarettisti di livello nazionale, tanta buona musica, DJset; intrattenimento e attrazioni per i più piccoli

 

Mille posti a sedere per degustare specialità gastronomiche e 40 tipi di birre nazionali, artigianali e internazionali, anche gluten free e no alcol!

 

 

Per la prima volta Taranto entra nel circuito nazionale dei grandi festival italiani dedicati alla birra, e non solo, grazie al “Taranto Beer Fest”!

Sarà la più importante manifestazione di questo tipo mai organizzata sul territorio che si svilupperà, nell’area del parcheggio Parco Cimino messa a disposizione dal Comune di Taranto, in quattro serate, da giovedì 10 a domenica 13 agosto, con un ricco programma di iniziative, workshop, spettacoli di cabaret, concerti e DJ set.

La manifestazione è stato stata presentata in conferenza stampa, moderata dal giornalista Gianmarco Sansolino, aperta dall’intervento dell’Assessore alla Mobilità sostenibile, Mattia Giorno, che ha sottolineato come questa iniziativa si svolga simbolicamente in un’area che «sarà trasformata, già dal prossimo autunno, nel nuovo Terninal bus di Kyma Mobilità con parcheggio Park & Ride, infrastruttura che rientra nel piano per la mobilità sostenibile dell’Amministrazione Melucci».

Il “Taranto Beer Fest è organizzato da “Posizioni Note”, con il patrocinio del Comune di Taranto e della Regione Puglia, da un’idea dell’imprenditore Filiberto Fiorino, amministratore di Fiorino Srl di San Giorgio Jonico, il main sponsor del “Taranto Beer Fest”.

Intervenendo in conferenza stampa proprio Filiberto Fiorino ha spiegato che «forte dell’esperienza ormai cinquantennale della mia azienda, oggi ho voluto mettere a disposizione del territorio il mio bagaglio esperienziale nel mondo del beverage coinvolgendo Leandra Attanasio, amministratore e founder dell’agenzia di promozione del territorio e servizi organizzativi “Posizioni Note”, per organizzare questa manifestazione che vede il “privato investire risorse ed energie per offrire a tutti una manifestazione destinata a diventare un appuntamento fisso dell’estate tarantina».

Una sinergia apprezzata in conferenza stampa dall’assessore allo Spettacolo, Fabiano Marti, che nell’occasione ha sottolineato come «con il “Taranto Beer Fest” si arricchisce ulteriormente l’offerta di manifestazioni ed eventi del capoluogo jonico che si conferma la città dei festival!»

L’Amministrazione comunale di Taranto collabora al Taranto Beer Fest anche con le società partecipate.

Giorgia Gira, presidente di Kyma Mobilità, ha infatti annunciato che «per gli utenti del “Taranto Beer Fest” saranno disponibili due corse speciali con gli autobus di Kyma Mobilità che partiranno alle ore 23.30 dall’area della manifestazione: il percorso di una corsa toccherà via Battisti, viale Magna Grecia, Salinella e Taranto2, mentre l’altra Via Battisti, Borgo, Tamburi e Paolo VI».

 

Il Presidente di Kyma Ambiente, Giampiero Mancarelli, ha invece annunciato che «l’azienda contribuirà massivamente alla pulizia dell’area in cui si svolgerà un evento a “impatto zero”, ovvero con l’utilizzo di materiale biodegradabile e compostabile».

 

Sono impressionanti i “numeri” della prima edizione del “Taranto Beer Fest” (programma su Facebook e Instagram) che si terrà da giovedì 10 a domenica 13 agosto: nell’Area parcheggio del Parco Cimino, interamente recintata per l’occasione, saranno allestiti 100 tavoli con 1.000 posti a sedere, numerosi stand, un capannone per i workshop e un palco per le esibizioni dal vivo, con circa 200 unità lavorative coinvolte nell’evento.

Come ha poi sottolineato Filiberto Fiorino in conferenza stampa «la protagonista assoluta sarà ovviamente la birra, anche con workshop in cui saranno svelati i segreti di questa antichissima bevanda, anche quelli dell’arte della sua spillatura, momenti tenuti dal mastro birraio Michele Cognetti biologo, esperto in qualità e sicurezza degli alimenti, e da Lorenzo Zucconi, competence trainer nel gruppo Birra Peroni».

Soprattutto ci sarà la possibilità di degustare 40 diverse birre nazionali, artigianali e internazionali, anche gluten free e no alcol; tra le birre del “Taranto Beer Fest” ci saranno anche Augustiner, Wieninger, Schneider weiss, Tet de mort, Tet de Mort amber, Antoniana marechiaro, Blanche de namour, Sierra Nevada Torpedo Ipa, Heineken, Heineken Silver, Moretti filtrata a freddo, Ichnusa ambra limpida, Ichnusa non filtrata, Messina cristalli di sale, Raffo, Peroni non filtrata, Peroni Cruda, Nastro Azzurro, Pilsner Urquell, Kozel lager, Kozel Dark, Gambrinus, Meantime anytime, Meantime Ipa, St Benoit blanche, St Benoit ambree e Grolsch.

 

L’organizzatrice Leandra Attanasio di “Posizioni Note ha poi sottolineato come «nell’area food and beverage saranno disponibili, oltre a un “box bar” che proporrà altri tipi di bevande, numerosi stand gastronomici in grado di soddisfare anche i palati più esigenti con braceria, panini gourmet, friggitoria, prodotti da forno e focaccia e gastronomia a base di pesce, nonché prodotti per celiaci».

L’ingresso è libero con un ticket obbligatorio di 5 € per la consumazione di una bevanda; l’uso del contante non è consentito all’interno della manifestazione: gli utenti potranno cambiarlo a una delle 4 casse ricevendo dei token da 1 € ciascuno che potranno utilizzare per gli acquisti agli stand.

 

Siamo orgogliosi – ha poi detto Leandra Attanasio – di offrire alla cittadinanza un programma di intrattenimento particolarmente ricco, con iniziative e eventi – tutti gratuiti – studiato per dare la possibilità a famiglie, ragazzi e adulti, di trascorrere una serata in allegria e spensieratezza con workshop, attrazioni, spettacoli di cabaret, concerti e DJ set».

Per i più piccoli ci saranno pagliacci, giocolieri e trampolieri, nonché numerosi workshop, laboratori e attività artistiche e ricreative curate da La Factory HandMade Italy, Trust, Pachamama, Ammostro e Ciurma.

Sul palco dell’area spettacoli ogni sera è previsto – start alle 21.00 circa – un programma, presentato da Debora Boccuni, con lo spettacolo di un noto comico cabarettistica, seguito dall’esibizione dal vivo di un gruppo musicale e, infine, un DJ set che concluderà – ore 02.00 circa – la serata.

Giovedì 10 agosto si inizia alla grande con il “Solo solo Show” di e con Renato Ciardo: sul palco del “Taranto Beer Fest” la grande comicità di uno dei più grandi performer pugliesi che, dismessi i panni di batterista della Rimbamband, si presenta Solo Solo per raccontare aneddoti, modi di dire e di essere di noi tutti. Una pugliesità rappresentata come peculiarità capace di renderci unici, paradossali, filosoficamente comici, complicati. Uno degli spettacoli più esilaranti mai prodotti. A seguire il concerto dei Terraross, i popolarissimi suonatori e menestrelli della Bassa Murgia pugliese, e, infine, il DJ set “Non si torna a casa rima delle sei” curato da Nicky Pezzolla.

Venerdì 11 agosto direttamente da “Striscia la Notizia” arriverà Pinuccio che proporrà il suo “Non mi trovo show” che il comico pugliese comincia lo spettacolo chiedendo, al magistrato di un immaginario processo, di essere condannato all’ergastolo, da scontare in un posto in cui non si usa il telefonino… È solo l’inizio di una commedia teatrale capace di far ridere il pubblico facendolo riflettere sulle tante stranezze della nostra vita di tutti i giorni, a partire dall’uso smodato del cellulare; a seguire in programma il concerto dei “Studio82” feat il polistrumentista e cantautore Cristiano Cosa e, infine, il MadKid DJ set feat MissFritty.

Sabato 12 agosto da Zelig e Colorado al “Taranto Beer Fest” arriva Paolo Migone con il suo spettacolo “Completamente spettinato” in cui c’è verismo, surrealismo, malinconismo, risatismo, è un labirinto intricato come la mente di Paolo Migone, nella quale ci si può infilare senza paura, perché in fondo si trova sempre l’uscita...o l’entrata di un nuovo labirinto… A seguire il trascinante concerto dell’Orchestra Mancina e, infine, il DJ set con Macro e Don Ciccio.

La serata conclusiva del “Taranto Beer Fest” sarà all’insegna delle scatenate atmosfere vintage dello swing e del rock’n’roll, con i concerti degli “Spaghetti Brothers” e dei “Rekkiabilly”, lo spettacolo burlesque di Sara Vianello e i DJ set di MissPia, una serata che vedrà ballare attorno al palco tra il pubblico tantissimi ballerini swing e rock’n’roll nei loro particolarissimi vestiti vintage.

 

Mobilità: gli utenti in auto potranno usufruire gratuitamente del parcheggio del vicino Centro Commerciale “Porte dello Jonio”, lo stesso che sarà possibile raggiungere con le normali corse degli autobus di Kyma Mobilità da/per il capolinea di Via Consiglio.

In conferenza stampa, infine, sono state ringraziate per la collaborazione la polizia stradale e la polizia locale: nelle quattro giornate della manifestazione, dalle ore 19.00 alle ore 2.00, la Strada Statale 7ter per San Giorgio sarà chiusa al traffico dal rondò all’incrocio con via Speziale venendo da Taranto, mentre venendo da San Giorgio la deviazione sarà all’incrocio nella Provinciale 104 (Pescheria Bicicletta).

 

Main sponsor di “Taranto Beer Fest” è Fiorino Srl di San Giorgio Jonico.

L’evento è sostenuto da Centro Commerciale “Porte dello Jonio”, Pascar Group, Autoservice D’Elia, Buy&Go drinks food and more, Molino Casillo dal 1958, Bianchi Antonio L’Allegra Fattoria, Blue Bay Residence Resort, Cool Trans Trasporti e Il Fornaio del Viale.

Partner tecnici sono Kyma Mobilità, Kyma Ambiente, arcDomus che ha curato l’allestimento nella manifestazione, Vittoria Assicurazioni e Società Cooperativa “Nuovo Turismo”.

 

 

 

PROGRAMMA ATTIVITÀ DI INTRATTENIMENTO

“TARANTO BEER FEST”

10-13 AGOSTO - AREA PARCHEGGIO PINETA CIMINO TARANTO

 

• H. 20:45 LETTURA E LABORATORIO PER BAMBINI in collaborazione con CIURMA – Libreria per bambini. Quattro titoli diversi per quattro appuntamenti, in prima serata, previsti per ognuna delle quattro giornate del FEST.

Il ritorno di Thelma l\\\'unicorno, Attenti al Ranocchio, Una zuppa di sasso, Forme in gioco: triangoli rossi, quadrati gialli e cerchi blu.

Dopo ogni lettura i bambini, con la guida delle libraie, si cimenteranno in attività laboratoriali, disegni e giochi.

Durata di 1 h circa, con un numero massimo previsto di 10 bambini per ogni attività.

Attività coordinata da LA FACTORY – HANDMADE IN ITALY. Postazione: CAPANNONE 6 x 12

 

• H.22:00 – 22:3023:00 – 23:30 (due tranche) PACHAMAMA – Le attività previste vedono il coinvolgimento di trampolieri (spettacolo itinerante nell’area festival) e giocolieri di bolle di sapone (postazione fissa con carretto). Durata dell’attività suddivisa in due sessioni differenti da 30 minuti l’una, orientativamente dalle 22:00 alle 22:30 e dalle 23:00 alle 23:30.

 

• CUSTOM CORNER con timbri a cura de LA FACTORY – HANDMADE IN ITALY. Personalizza la tua shopper con timbri in gomma incisi a mano dal disegno esclusivo, guidati dal collettivo La Factory. Un’occasione per muovere i primi passi nel mondo dell\\\'handmade, cimentarsi con nuove tecniche di stampa e avere la possibilità di portare a casa un oggetto personalizzato in pochi veloci passaggi!

La postazione sarà permanente e fruibile da chiunque, adulti e piccini, per tutta la durata dell’evento. Postazione: CAPANNONE 6 x 12.

 

• PERFORMANCE di LIVE PAINTING aperta a chiunque volesse cimentarsi nell’arte del disegnare su supporti preparati e opportunamente scenografati, sotto il coordinamento del collettivo LA FACTORY – HANDMADE IN ITALY. L’attività si svolgerà per tutta la durata dell’evento. Postazione: Fronte capannone 6 x 12.

 

• Esperienza di stampa serigrafica su carta in collaborazione con le artigiane della serigrafia AMMOSTRO di Taranto che illustreranno i passaggi e alcuni segreti di una delle tecniche di stampa artigianale più antiche. Anche i meno esperti potranno cimentarsi nell’arte serigrafica e portare a casa con sé un poster con una illustrazione progettata ad hoc per l’evento.

Attività coordinata da TRUST, per tutta la durata dell’evento. Postazione: CASETTA TRUST.

 

• STREET COLLAGE LIVE Alessio Sangregorio e Mario Pagnottella, Attività coordinata da TRUST, per tutta la durata dell’evento. Postazione: CASETTA TRUST.

 

 

 

 

E’ Cosimo Argentina con il suo libro “Vicolo dell’acciaio” (Hacca edizioni) il vincitore della 2^ edizione del Premio Letterario Nazionale “Città di Ceglie Messapica”, indetto dalla locale Amministrazione comunale e sotto la direzione artistica della prof. Maria Antonietta Epifani.

La proclamazione è avvenuta ieri sera, nel corso della cerimonia di premiazione svoltasi nel Castello Ducale di Ceglie Messapica e presentata dalla giornalista del Tg Norba Pamela Spinelli, alla presenza – tra gli altri – del sindaco Angelo Palmisano, dell’assessore comunale alla Cultura Antonello Laveneziana e del dr. Aldo Patruno, Direttore generale del Dipartimento Turismo, Economia della Cultura e Valorizzazione del Territorio di Regione Puglia. Presente anche il vincitore della prima edizione del Premio Graziano Gala

“Vicolo dell’acciaio”, un “noir industriale” come lo ha definito Carolina Tundo nella sua presentazione è ambientato nella Taranto dell’acciaieria, con al centro via Calabria, il luogo in cui si sviluppano le vicende dei personaggi costretti a scendere a patti col mostro che segna irrimediabilmente le loro esistenze. 

 

 

 

Menzione d’onore, invece, per Gabriella Genisi con La regola di Santa Croce” – Rizzoli.

 

Tra i premi speciali, è stata la dr.ssa Mimma Piliego ad assegnare il “Premio Ippocrate” – che aveva per tema  “Sulla Sindrome Post Covid” – alla dott.ssa Maria Angela Barletta e al dott. Valentino Natoli. Ai vincitori, oltre alle targhe, sono stati donati dei cadeau offerti dalla Gioielleria Diamond Centre di Roma (amministratore delegato Marco Ferrarin) e dai fratelli Mimma e Giuseppe Piliego. Tra gli sponsor, anche Cantine Due Palme.

 

Per la sezione “Narrativa per ragazzi”, invece, il premio è andato a  Diana Ligorio, autrice del libro “Mia e la voragine” pubblicato da Terrarossa Editore.

 

Nessun premio è stato assegnato per la sezione “Giovani under 30”: la Giuria aveva, infatti, esaminato attentamente le opere presentate, ma purtroppo nessuna soddisfaceva appieno i criteri di giudizio.

Protagonisti della serata anche gli studenti dell’Istituto di Istruzione Secondaria Superiore Cataldo Agostinelli di Ceglie Messapica, accompagnati dalla prof.ssa Mariangela Amico, docente referente del progetto, che hanno formato la giuria degli studenti.

Il Premio godeva del Patrocinio del Parlamento europeo, della Regione Puglia, dell’Asl di Brindisi, dell’Ordine dei medici e Odontoiatri di Brindisi, del consolato onorario di Grecia, dell’Ordine dei Farmacisti e dell’Istituto di Cultura salentina.

Il ristorante “Don Pedro” (San Pietro in Bevagnavia della Marina 2) si “cambia d’abito” il venerdì per diventare un accogliente jazz club. Grazie alla brillante idea dello chef e proprietario Stefano Seviroli e all’ottima intuizione del talentuoso trombettista jazz salentino Andrea Sabatino, nonché direttore artistico, il jazz sarà protagonista assoluto con una serie concerti (21:30 l’orario d’inizio di tutti i live), particolarmente degni di nota, tutti i venerdì fino al 1° settembre. Questa sera appuntamento con Mario Rosini-Andrea Sabatino – “Singing with the Trumpet”, un raffinato duo formato da Mario Rosini (voce e piano) e Andrea Sabatino (tromba e flicorno) che, con influenze accentuatamente jazzistiche, darà vita a un viaggio immersivo nella canzone italiana e internazionale. Un concerto per tutti gli amanti della buona e vera musica a 360 gradi tenuto da due purissimi talenti che sapranno entusiasmare gli ascoltatori grazie alle loro notevoli qualità artistiche. L’11 agosto sarà la volta di Lucia Negroponte (voce) e Vito Di Modugno (piano), che presenteranno un progetto dal titolo “Le Songs dell’Anima”. Un caloroso omaggio al gospel, al blues e al jazz che esalta le doti espressive di questi due ottimi musicisti, capaci di donarsi agli spettatori con grande intensità comunicativa. Il 25 toccherà a Marco Giuliani (voce e chitarra) e Giampaolo Laurentaci (contrabbasso) presentare “Pra João”, un amorevole ricordo dell’immenso João Gilberto, figura imprescindibile della bossa nova. Un live, questo, di un duo dall’indubbio valore, dal mood gioioso e malinconico, tipico della musica brasiliana. Infine, venerdì 1° settembre, si chiuderà la programmazione con Serena Grittani(voce) e Bruno Montrone (piano), due giovani e talentuosi jazzisti che, con il loro progetto intitolato “The Voices of Jazz”, spaziano dal latin jazz al jazz, fino al pop internazionale, con disinvoltura, gusto e poliedricità stilistica. Cinque imperdibili appuntamenti per vivere momenti all’insegna della cultura musicale.

PER INFO E PRENOTAZIONI: 3200542141 – 3202127975

https://www.facebook.com/DonPedroristorante

 

 

 

 

 

 

 

Venerdì 4 Agosto riaprono a Lama  i cancelli di Villa Vetusta, antica dimora di fine settecento detto \\\"casino estivo\\\"  circondata dal  verde  per la “13^ edizione di C\\\'era una volta il pane... a Lama”.

Nel giardino di Villa Vetusta, la Pro Loco di Lama e le sue contrade APS, con la sua Presidente Lara Marchetta, celebra, ancora una volta, il pane di Lama per ridare valore ad un\\\'antica tradizione del territorio e contribuire a far conoscere le radici di questo lembo di terra.

Enza Tomaselli, guida e grande appassionata del territorio e delle tradizioni,   insieme ai padroni di casa – Mariadele Blasi ed Aristide Romani – guiderà gli ospiti alla scoperta della storia di Lama e del pane bianco che, in passato, era assai facile trovare sulle tavole degli abitanti del posto. Un appassionato panificatore accenderà il forno presente nella villa - uno dei pochissimi rimasti ancora intatti - e farà degustare il pane impastato secondo la ricetta della nonna.

Accompagneranno la serata il vino di Lama della Tenuta Trefontane di Nicola Castellaneta e le musiche popolari di Radici del Sud.

Posti limitati - Prenotazione obbligatoria, con  messaggio whatsapp  al numero 3477672068 -  Apertura cancelli ore 20. Via Lama, 150 – Taranto (Lama)

La Puglia enogastronomica delle tradizioni secolari, come non l’avete mai vista. Venerdì 4 agosto dalle 8,40 sarà lanciata la serie tv Incredible Puglia dedicata a “Ego Festival feat. Dinner Incredible”, lo speciale focus sul mondo enogastronomico pugliese andato di scena nel settembre del 2022. Quattro puntate ricche di storia, di cultura enogastronomiche e di identità, che spaziano in altrettanti territori unici nel loro genere, distribuite da Food Network.

 

«L’emozione è tanta, è il coronamento di un progetto con il quale abbiamo sempre voluto far conoscere le ricchezze del paniere pugliese – il commento di Monica Caradonna, giornalista e conduttrice tv nonché ideatrice di Ego Festival –. Siamo orgogliosi del prodotto e fiduciosi del fatto che questa serie possa rappresentare un vanto anche per tutta la Puglia dei piccoli produttori, che ogni giorno lavorano a stretto contatto con le materie prime per restituirci degli autentici capolavori enogastronomici. Vogliamo promuovere la cultura gastronomica attraverso le mani e i volti dei tanti produttori che sono l’asse identitario della storia della nostra regione».

 

Incredible Puglia è il racconto del viaggio intrapreso da dodici chef di fama internazionale, i quali hanno potuto toccare con mano sia le bellezze architettoniche e paesaggistiche di una regione tutta da scoprire, sia assaporare, gustare e farsi contaminare da cibi, vini, odori e sensazioni, per tornare ai loro rispettivi paesi con un bagaglio esperienziale notevolmente arricchito. Queste superstar della cucina sono così diventate ambassador del progetto di rilancio gastronomico della Puglia, una terra che ormai sentono un po’ come casa loro.

Quattro puntate in cui riscoprire alcune tra le più belle meraviglie del Tacco d’Italia, da Laterza alla Valle d’Itria, dai vigneti e dagli ulivi secolari fino a Taranto e al suo legame con il mare.

 

«È stato molto interessante avere l’opportunità di lavorare su un progetto straordinario per il mio background registico – ha dichiarato Frankie Caradonna, regista dei primi tre episodi di Incredible Puglia –, in cui ho potuto mischiare elementi presi dal mondo dell’observational documentary di scuola inglese con altri più vicini al linguaggio televisivo, con cui non mi ero mai confrontato prima. Incontrare persone che lavorano la madre terra e i suoi prodotti, e raccontare le loro storie, è qualcosa che riesce sempre ad emozionarmi».

 

«Al making of della serie ha collaborato con il regista l’agenzia We Are Factory. Per il supporto che ha permesso di realizzare Incredible Puglia – le parole di Emiliano Fraccica, presidente di Enogastro Hub – mi sento di ringraziare i nostri partner istituzionali, ovvero la Regione Puglia, i comuni di Laterza, Martina Franca e Taranto. Il fecondo rapporto con i consorzi territoriali ci ha permesso di raccontare il meraviglioso mondo degli olii e dei vini di Puglia; quindi, rivolgiamo un sentito ringraziamento al Distretto Agroalimentare di qualità Jonico Salentino, al Consorzio per la Tutela e la Valorizzazione dell’Olio di Puglia IGP, al Consorzio di Tutela del Primitivo di Manduria DOC e DOCG, al Consorzio di Tutela Vini DOP Salice Salentino e al Consorzio di Tutela Vini DOC Brindisi. Un grande grazie va anche speso nei confronti dei nostri sponsor, cioè BCC di San Marzano, Ferrarelle, Ninfole, Programma Sviluppo, Roboqbo, Slow Food Puglia, Varvaglione1921».

 straordinario concerto con una degustazione di birra e prodotti da forno, tutto gratuito per tutti: presso la Pineta Parco Cimino di Taranto si terrà, alle ore 19.30 di giovedì 3 agosto, il concerto “Electro Swing Party”, con ingresso libero e gratuito (info. 3494779160).

“Electro Swing Party” è un entusiasmante vision live dj set con la vocalist Anèt in selezioni che passano dall\'electro swing a sonorità afro e balkan beat, su cui l\'eclettico Giancarlo Dell\'Anna (trumpet/dj) coinvolgerà il pubblico con intriganti interventi strumentali.

Anèt è considerata una delle voci più raffinate della scena swing italiana: percorre una carriera fatta di contaminazioni musicali, dallo Swing al Pop, dalla musica Brasiliana a quella Elettronica, dalle sonorità Rock a quelle Classico/Sinfoniche.

Nel 2019 pubblica “Candyland”, un concept album targato “Music Couture”, perché come nell’alta moda, anche nella musica si possono sperimentare cuciture di stili e tendenze alla ricerca e creazione di un suono unico e travolgente: con questo album Anèt partecipa nel luglio 2019 alla 53ª edizione del Montreux Jazz Festival, è ospite per Luis Vuitton a Taormina per il 100° Anniversario dell’Hotel Belmond Villa Sant’Andrea e si esibisce a Salisburgo per il NYE presso il Castello Klessheim.

La performance “Electro Swing Party” sarà accompagnata da una degustazione di birra e prodotti da forno, anch’essa gratuita: l’iniziativa, infatti, è un gustoso e piacevole modo per annunciare alla città il “Taranto Beer Fest”, una grande manifestazione che, nell’Area Parcheggio del Parco Cimino, da giovedì 10 a domenica 13 agosto animerà quattro serate della calda estate tarantina.

È la più importante manifestazione di questo tipo mai organizzata sul territorio: con 1.000 posti a sedere darà la possibilità a tutti, famiglie, ragazzi e adulti, di trascorrere una serata in allegria grazie a un ricco programma di intrattenimento con workshop e attrazioni per i più piccoli, spettacoli, concerti e DJset.

Protagonista assoluta sarà la birra e il mondo che gira intorno a questa antichissima bevanda, con workshop e la possibilità di degustare 35 birre nazionali, artigianali e internazionali, anche gluten free e no alcol, e con numerosi stand di gastronomia in grado di soddisfare anche i palati più esigenti.

Grazie al “Taranto Beer Fest” il capoluogo jonico entra nel circuito nazionale dei grandi festival italiani dedicati alla birra, e non solo, manifestazione organizzata da “Posizioni Note” da un’idea dell’imprenditore Filiberto Fiorino, con il patrocinio del Comune di Taranto e della Regione Puglia.

 

Main sponsor di “Taranto Beer Fest” è Fiorino Srl di San Giorgio Jonico.

L’evento è sostenuto da Centro Commerciale “Porte dello Jonio”, Pascar Group, Autoservice D’Elia, Buy&Go drinks food and more, Molino Casillo dal 1958, Bianchi Antonio L’Allegra Fattoria, Blue Bay Residence Resort, Cool Trans Trasporti e Il Fornaio del Viale.

Partner tecnici sono Kyma Mobilità, Kyma Ambiente, arcDomus che ha curato l’allestimento nella manifestazione, Vittoria Assicurazioni e Società Cooperativa “Nuovo Turismo”.

 

 

 Lassociazione che si occupa di contrastare la violenza sulle donne parteciperà allevento in programma Grottaglie l8 e 9 agosto. Ha ideato il claim, che sarà presente sui cappelli delle chef. Sulle t-shirt dello staff verrà riprodotto il numero telefonico 1522

 

Alzàia Onlus sarà protagonista di “Orecchiette nelle ‘nchiosce – on the road”, la nota manifestazione enogastronomica che si terrà l’8 e il 9 agosto nel quartiere delle ceramiche di Grottaglie.

 

L’associazione, che dal 2007 si occupa a Taranto e provincia di contrastare il gravissimo fenomeno della violenza maschile sulle donne attraverso la gestione di CAV e Sportelli antiviolenza (tra cui lo sportello “Sostegno Donna” di Grottaglie), ha deciso di supportare la nona edizione dell’evento, in cui le postazioni dedicate al formato di pasta pugliese per eccellenza saranno occupate dalle migliori chef della regione. Già questo è un modo per ribadire in maniera chiara e diretta come le donne, tanto quanto gli uomini, siano in grado di guidare cucine di eccellenza, senza però legarle allo stereotipo che le vuole necessariamente dipinte di colore rosa. Da qui, proprio giocando con un ipotetico claim dell’evento “Orecchiette nelle ‘nchiosce in rosa”, le donne di Alzàia hanno voluto trasformarlo in “Orecchiette nelle ‘nchiosce in rosa… anche NO!”, con un doppio significato: se da un lato si intende negare ogni tipo di stereotipo, dall’altro il no è inteso come forma di determinazione e autodeterminazione contro tutte le forme della violenza.

 

Il claim “... anche NO!” è stato creato all’interno del laboratorio “Il Cantiere delle Idee”, promosso da Alzàia e che vede alcune delle donne seguite dall’associazione rendersi protagoniste della realizzazione di idee, manufatti, progetti. “Il Cantiere delle idee” è uno spazio laboratoriale in cui le donne possono incontrarsi e mettere insieme le proprie competenze non solo per creare oggetti di artigianato, ma al contempo anche per superare la storia di violenza che hanno alle spalle o che ancora vivono, attraverso il confronto, la consapevolezza, l’intuizione e la creatività che solo l’arte è capace di restituire.

 

In questi giorni le donne che partecipano al laboratorio stanno provvedendo a dipingere a mano con il claim ufficiale la toque blanche (meglio noto come cappello) di ogni chef dell’evento e alcuni striscioni, che il pubblico troverà lungo il percorso, con i principali stereotipi riguardanti le donne. Verrà anche allestita una postazione dove la gente troverà magliette, borse, cappelli e portachiavi realizzati a mano nel “Cantiere delle idee”. Il ricavato della vendita di questi prodotti sarà destinato unicamente a finanziare i percorsi di rinascita delle donne coinvolte nel progetto. Inoltre, in accordo con l’associazione Le idee non mancano Aps, organizzatrice della manifestazione, verrà stampato il numero 1522 (numero di riferimento nazionale gratuito e attivo 24h su 24h per il sostegno alle vittime di violenza e stalking) su porta calici, t-shirt dello staff e su tutto il materiale informativo.

 

Sulla passerella nell’iconico Castello Aragonese hanno sfilato, in una esclusiva première, Gianluca Saitto, Rossorame e Shu Emura

 

A Taranto per il fashion show anche Mariella Milani, popolarissima critica di costume e autorevole esperta del giornalismo di moda

 

 

 

 

 


La Puglia si conferma scenario di importanti eventi dedicati alla moda che vedono sfilare prestigiose maison e importanti brand di livello internazionale, un fenomeno che, grazie a “Méditerranée - Taranto e la Dolce vita”, vede protagonista anche il capoluogo jonico!

È l’innovativo format ideato dal direttore artistico Mario Rigo, stimato Senior Executive fashion advisor, e dal direttore creativo, l’hair stilist Angelo Labriola, due tarantini che, ormai affermatisi a livello nazionale, con Passione continuano il percorso iniziato l’anno scorso per realizzare il loro Sogno: contribuire alla reinassance della città.

Clou del loro progetto, giunto alla seconda edizione, è il fashion show “Méditerranée e la grande Bellezza”, una serata interamente dedicata alla moda nella sua massima espressione.

L’anno scorso su Piazza Castello, all’ombra delle Colonne Doriche ci fu la sfilata delle creazioni di Gianluca Saitto, uno dei più importanti couturier italiani, mentre in questa seconda edizione l’evento si è tenuto nell’iconico Castello Aragonese di Taranto, meraviglioso scrigno di storia secolare.

In un anno il format è cresciuto proponendo in una emozionante serata, presentata dalla giornalista Maristella Massari e impreziosita dalle note dell’Orchestra ICO Magna Grecia, diretta nell’occasione dal Direttore Artistico M° Piero Romano, la sfilata delle creazioni di Gianluca Saitto, di Rossorame e di Shu Emura.

Differentemente da altri eventi con le sfilate di una sola maison, dunque, “Méditerranée - Taranto e la Dolce vita” è un format innovativo in grado di proporre in un’unica serata emozioni e suggestioni diverse con al centro la “bellezza”, non solo quella delle meravigliose creazioni che sfilano in passarella, ma, anche attraverso la scelta di iconiche location storiche, la Bellezza di un intero territorio che in questo periodo vive un’autentica renaissance.

Ospite d’onore alla serata è stata Mariella Milani, popolarissima giornalista e critica di costume, nonché autorevole esperta del giornalismo di moda, che ha voluto osservare di persona la proposta del format “Méditerranée - Taranto e la Dolce vita”.

 

Sulla passerella allestita nella piazza d’armi del Castello Aragonese quest’anno hanno debuttato a “Méditerranée e la grande Bellezza” le creazioni di “Rossorame”, il brand indipendente di Alta sartoria femminile, ideato e creato interamente in Italia: vitalità, creatività e sostenibilità di questo prestigioso marchio vengono soddisfatte attraverso un’incessante ricerca tecnica, stilistica e organizzativa. Protagonisti di Rossorame sono i due co-founder: Daniele Del Genio, direttore commerciale che individua le suggestioni, idee e potenzialità delle risorse, e Bruno Simeone, direttore creativo che trasforma le suggestioni e le risorse trovate in avanguardia creativa. Alla base la scelta etica di avvalersi di manifattura italiana del territorio di appartenenza, filiera corta e materie prime esaminate con cura e attenzione.

Quest’anno ha sfilato a “Méditerranée e la grande Bellezza” anche Shu Uemura, che ha proposto le ultime tendenze del hair styling e del hair care a livello mondiale, settore di cui il marchio d’élite di origine giapponese è leader a livello globale, arte e tecnica di bellezza che esaltano la femminilità in ogni suo aspetto e fanno della cura dei capelli un mezzo straordinario per valorizzare il fascino della donna.

Fin dal suo debutto a Tokyo nel 1958, il giapponese Shu Emura ha portato una autentica rivoluzione nel mondo del make up e delle cure di bellezza, in particolare nel hair styling, lottando per creare e affermare nuovi standard di bellezza. Da questa filosofia, dopo che il fondatore si trasferì ad Hollywood affermandosi nel jet set americano, è poi nato l’omonimo marchio d’élite scelto dai migliori professionisti del settore in tutto il mondo.

Protagonista l’anno scorso della prima edizione di “Méditerranée - Taranto e la Dolce vita”, innamoratosi della città è tornato a sfilare a Taranto Gianluca Saitto che ha proposto in anteprima assoluta alcuni outfit della collezione spring-summer 2024.

Nel suo atelier a Brera, quartiere simbolo dell’arte e dell’eleganza milanese, Gianluca Saitto realizza creazioni su misura, che uniscono prêt-à-porter e tailoring d’eccellenza, apprezzate, tra gli altri, da personalità del mondo dello spettacolo come Gianna Nannini, Renato Zero, Loredana Bertè, Patty Pravo e Max Gazzè. Merito del progetto creativo del couturier che (ri)mette al centro riti, tempi e peculiarità della Moda, attenendosi scrupolosamente ai dettami della miglior tradizione sartoriale italiana ed elevando il ricamo, realizzato di persona seguendo trame, linee e motivi ideati da lui stesso, a cifra distintiva di uno stile sofisticato e senza tempo.

 

Main partner di “Méditerranée - Taranto e la Dolce vita” 2023 sono Baux Cucine, Renexia e Banca Popolare Pugliese.

Partner della manifestazione, supportata da Fondazione Taranto25 e Artava, sono Camera di Commercio di Taranto, Jonian Dolphin Conservation, A.I.G.I. (Associazione Indotto AdI e General Industries) Taranto, Slow Food, Panacea, Vetrère, MarmiStrada, Orchestra ICO Magna Grecia, Andriani, Centrale del Latte Puglia, Blue Bay, Antica Pizzeria “Da Michele”, Emmeauto Group concessionaria BMW, Angela Ripa Gioielli e Boat Sharing.

“Méditerranée - Taranto e la Dolce vita” 2023 si avvale del patrocinio di Ambasciata di Francia in Italia, Regione Puglia, Puglia Promozione, Comune di Taranto, Accademia di Francia a Roma – Villa Medici, CNA Federmoda Italia, Associazione culturale NCDT e Ordine degli Architetti di Taranto.

 

 

Domenica 30 luglio, a Pulsano, nel chiostro dell’ex convento dei Frati Riformati, con inizio alle ore 21, si terrà l’ultimo appuntamento del Festival Chitarristico Internazionale “Città dello Jonio”. Patrocinato dal Comune di Taranto , Regione Puglia e CSV, e nato da un’idea nel 2017 della direttrice artistica M^ Maria Ivana Oliva, Presidentessa dell’Associazione musicale “Guitar Artium”, il Festival pone i riflettori sulla “chitarra” con l’intento di offrire al territorio un connubio di musica di qualità e valorizzazione delle risorse culturali della nostra regione.

La manifestazione dell’ultima serata sarà una rievocazione storica di musica medioevale, riprodotta con strumenti d’epoca, e teatrale con la declamazione di testi dell’epoca, frutto della collaborazione tra “Musica Historica” e il maestro Fabio Anti , per la parte musicale e l’Associazione “I Cavalieri de li Terre Tarentine” per la parte storico-letteraria.

L’Aps “I CAVALIERI DE LI TERRE TARENTINE” nasce nel 2005 dal desiderio di un gruppo di amici, con la passione per lastoria e che non vogliono dimenticare le proprie radici. ”Come l’albero vive del nutrimento del terreno, a tal modo noi cerchiamo di non dimenticare la storia della nostra terra affinché le nostre radici possano entrarvi più profondamente così da arricchire il nostro vivere e non perdere la memoria del nostro cammino”. Presidente e fondatore è il prof. Vito Maglie e, nell’ambito del proprio scopo sociale e culturale, l’associazione si propone di coadiuvare, supportare e collaborare, con soggetti terzi, Enti ed Amministrazioni Pubbliche, nella valorizzazione e promozione del patrimonio storico, archeologico culturale e dei beni immateriali, in una prospettiva di attrazione e sviluppo turistico culturale in chiave di sistema strutturato e sostenibile, fornendo servizi di partecipazione, organizzazione e gestione per eventi di carattere narrativo e spettacolo storico. Tale obiettivo è proposto tramite gli strumenti della rievocazione storica, Ricostruzione, Racconto, Narrazione storica, Produzione Multimediale. L’Associazione, realizza eventi strutturando e contestualizzando specificatamente il lavoro sull’epoca, sui personaggi e sulle vicende storiche che hanno caratterizzato la storia del territorio o del luogo, con questo approccio, l’evento rievocativo, fonda la sua preparazione sugli studi, la ricerca, la sperimentazione, e si caratterizza nella componente filologica storica e culturale, assumendo rilevanza nella divulgazione della conoscenza delle radici e della memoria, accrescendo il senso di appartenenza all’interno di una comunità ed anche, in una prospettiva più ampia, può fungere quale supporto alla promozione di gemellaggi e scambi culturali identitari con i Paesi Mediterranei ed Europei. Svolge la propria attività su tutto il territorio nazionale e internazionale ed ha raggiunto preparazione e livelli organizzativi tali da garantire con assoluta competenza eventi e partecipazioni di indiscussa e riconosciuta qualità.

E’ da

Hastings”

rievocativa medievale. La dedizione a favore della divulgazione storica tramite il Living History, oltre ad alcune partecipazioni televisive e cinematografiche, li ha portati a un prestigioso traguardo televisivo con la collaborazione nel 2009 con History Channel di Sky nella serie “Pazzi per la Storia” in cui Taranto è stata protagonista di una delle 6

sottolineare la partecipazione

del 1066 in Inghilterra il più importante

nell’ottobre del 2012 alla “Battaglia di evento mondiale di battaglia

 

 puntate della produzione dedicata all’arco del Medioevo ed ai primi anni del Rinascimento con tema principale della guerra con la puntata dedicata alla “La battaglia del 1046” tra Normanni e Bizantini. Ricordiamo inoltre la copertina di Focus Storia del novembre 2013 dedicata ai Bizantini con la pubblicazione dell’immagine di un componente dell’associazione a seguito di servizio fotografico oltre ad articoli su riviste specializzate italiane e europee come Medioevo, Ancient Warfare, Maxes. Ricordiamo inoltre la partecipazione alla Festa dei Musei presso il Marta di Taranto il 2/7/2016 e ad oltre 400 partecipazioni e organizzazioni di eventi rievocativi e culturali in genere. L’impegno maggiore comunque è da oltre dieci anni dedicato all’organizzazione della “La Battaglia dell’XI secolo” tra Normanni e Bizantini divenuto ormai il più importante evento di battaglia medievale d’Italia. Tra le altre finalità vi è anche la divulgazione e promozione, in chiave di sistema, di appartenenze a comunanze identitarie storico culturali di luoghi, percorsi e comunità. Per tale motivo da sette anni ha avuto inizio il progetto “Taras Magno Greca”, una ricostruzione storica del mondo antico principalmente dal V sec. a.c. agli inizi del III secolo a.c. nei suoi diversi aspetti culturali e sociali in collaborazione e rete con le diverse realtà culturali che si occupano della Magna Grecia. E’ da sottolineare la produzione di cortometraggi di racconto e documentaristici storici come “Il Cammino di Taras” vincitore del premio del pubblico Mostra del Cinema di Taranto 2021; Premio Enotri, Itineraria Bruttii, Cosenza 2022; Selezione ufficiale al 23° Festival del Cinema Europee, Lecce 2022.

Il Maestro FABIO ANTI è diplomato in ORGANO E COMPOSIZIONE ORGANISTICA nel 2007e laureato (I liv.) in CLAVICEMBALO E TASTIERE STORICHE nel 2018presso il Conservatorio N. Rota di Monopoli (BA), spazia nei suoi studi e si interessa di vari strumenti e discipline quali: Flauto a Becco, Flauto Traversiere, Viola da Gamba, molti strumenti medievali (liutaio anch’esso di molti) Voce (dapprima Controtenore poi Bari- tenore), Direzione di Coro, Composizione.

Numerosissime sono le attività svolte sia da allievo sia da docente, e collaborazioni tra le quali: Coro Giovanile Italiano, Ars Cantica Choir Milano, Coro & Orchestra dell’Opera di Stato di Budapest, Stupor Mundi Chorus, Orchestra del Settecento, Confraternita de’ li Musici, Apulia Baroque Ensemble, I Turchini di Florio, Scarlatti Lab, Beppe Barra, Pino De Vittorio ecc., il critico Paolo Isotta ha espresso molte parole di elogio nei suoi riguardi. È stato diretto e ha collaborato con numerosi direttori di fama internazionale quali: Filippo Maria Bressan, Gianandrea Noseda, Toni Florio, Peter Neuman, Stojan Kuret, Marco Berrini, Nicola Conci, Colin Baldy. Ha svolto centinaia di concerti in Italia, 2 tournée in Germania, una tournée in Israele e una tournée in Slovenia e Croatia, Festival Scarlatti Lab barocco di Napoli 2012, 2013 e 2014, Festival Alexadia di Kastoria in Grecia 2013, Festival Rinascimentale di Copenaghen 2013, Festival Val Comino 2014, Giovanni Paisiello Festival di Taranto 2016, 2017, 2018, 2019, 2021 Stagione Concertistica Amici della Musica Taranto “Arcangelo Speranza”.

Insegna Belcanto, Polifonia, Organo, Organo Liturgico, Pianoforte, Clavicembalo, Teoria Generale della Musica, Armonia, Basso Continuo, e Composizione ai componenti della sua associazione, e teoria generale della musica presso la Scuola Musicale Comunale “P. Serafino Marinosci” di Francavilla F. (BR).

Già fondatore de Il Gruppo Cameristico Bach (1999), il Bach Coro (1999), Stupor Mundi Chorus (2006) poi estinti, ha fondato, coordina e dirige La Vaga Harmonia (2010), Odor Rosae Chorus (2011), Odor Rosae Musices (2013) fondendo nel 2015 le tre compagini in una associazione culturale denominata MUSICA HISTORICA. Si occupa inoltre di ricerca, trascrizione e revisione (di partiture antiche manoscritte o a stampa, dal medioevo al XIX sec.) lavoro che lo ha portato a pubblicare in autoeditoria ondemande oltre 180 volumi a distribuzione globale sulla piattaforma AMAZON, molti dei quali sono unici al modo ed è citato in tesi di laurea. Organologia, organaria, cembalaria e liuteria sono la sua passione ed è autore o restauratore di decine di strumenti che continuamente vengono utilizzati per le sue svariate attività.

 

 MUSICA HISTORICA, mira alla riscoperta, valorizzazione e diffusione della musica antica attraverso un lavoro di studio e ricerca filologica del repertorio musicale al fine di renderlo fruibile sia agli intenditori che ai semplici ascoltatori. L’attività di ricerca non si limita soltanto all’esecuzione di brani antichi in concerti e momenti culturali ma si fa minuziosa ricostruzione filologica di partiture, testi, abiti e strumenti musicali diventando anche vero e proprio supporto didattico in eventi pensati per studenti ed all’interno delle principali rievocazioni storiche del sud d’Italia. L’Associazione culturale MUSICA HISTORICA vanta tre ensemble musicali differenti seppur complementari, ognuno con caratteristiche precise, repertorio e strumentario differenti e con intensa attività concertistica (citati in ordine di fondazione): L’ensemble di musica rinascimentale e barocca LA VAGA HARMONIA. La compagine corale ODOR ROSAE CHORUS, e il gruppo di musici medievali ODOR ROSAE MUSICES.

 

Donna a Sud nasce nel 2011, quindi ormai ben 12 anni fa, come festival delle Culture al Femminile. Il festival, frutto di un’idea di Tiziana Magrì – direttrice artistica, progettista e giornalista tarantina – pone la sua attenzione sulle donne del sud e del Mediterraneo, coloro che sulle sponde del Mediterraneo vi sono nate o che vi sono giunte, quelle che sono dovute andare via e quelle che sono tornate, accomunate tutte, oltre che dall’origine mediterranea, da una caratteristica: il coraggio di lottare.

L’obiettivo era e rimane fare rete, dare alla donna la voce che a lungo le è stata sottratta, tracciare una rete di professioniste – e non solo – unite nel nome della parità di genere.

Proprio mantenendo fede a questi propositi, il team di Donna a Sud, è costituito interamente da donne professioniste che si sostengono e portano avanti il progetto con una visione comune.

Donna a Sud torna perciò a Taranto con nuovi importanti appuntamenti, parte entrambi della rete di Taranto Grand Tour, con cui Donna a Sud collabora e fa rete per portare lustro al territorio. Una squadra di professionisti e persone a cui stanno a cuore le sorti della città e che si impegnano, quotidianamente, per essa e per una nuova fruizione dei luoghi in stretta connessione con percorsi esperienziali e di conoscenza.

 

PRIMO APPUNTAMENTO

 

Una programmazione ricca quella del primo appuntamento del 5 agosto 2023 e ripartita così:

 

● Alle ore 18:30, presso la Galleria del Castello AragoneseDonna a Sud -  Festival delle Culture al Femminile presenta la Mostra di libri d’artista Donna vita e libertà - Il mio nome è notte, in collaborazione con Presidio del Libro - Archivio del libro d’artista VerbaManent di S. Nicola (Le) e  Anpi Taranto.

La mostra sarà arricchita da 20 fotografie in bianco e nero di donne iraniane prodotte dalla fotografa Luciana Trappolino. 

Nella serata inaugurale della mostra è prevista la proiezione del video EXPIRED realizzato da Maria Credidio, affermata artista sperimentale,  con voce di Elham Hamedi, corpo narrante e sillabario poetico.

 

Le artiste di cui saranno esposte le opere:
Laura AgostiniAndreina ArgiolasOriana BassaniAnna BoschiLucia CaprioglioMaddalena CastegnaroCarmela CorsittoMaria CredidioCristina GentileDaniela GilardoniElham HamediBenedetta JandoloBeatrice LanducciFrancesca MagroGabriella MaldifassiFrancesca MazzottaRita MeleEmanuela MezzadriElsa MezzanoSara Montani,Laura PitscheiderAntonella Prota Giurleo, Letizia RostagnoPaola Scialpi, Sforza Lucia e Barbonetti Antonietta.

 

 

 

● Alle ore 20:00, invece, presso Il MUDI (Museo Diocesano di Arte Sacra), in Via Duomo,  si terrà un incontro a più voci dal titolo “Guerra, pace e donna: questioni di genere.

Il dibattito prevede un focus sulla guerra e le questioni di genere, sui punti di vista delle donne su questo argomento e su come possano essere costruttrici di pace.

Modererà l’incontro Tiziana Magrì, founder di Donna a Sud.

Relatrici:

Giuliana Sgrena (giornalista e scrittrice)

Ilaria Romano (giornalista, fotografa, documentarista)

Uljana Gazidede (avvocata esperta in diritto dell’immigrazione, diritti umani e diritti delle donne, presidente Casa delle donne del Mediterraneo)

Ndreca Denata (giornalista e poetessa)

Shady Alizadeh (portavoce movimento italo-iraniano per la donna, la vita e la libertà)

 

● Sempre al MUDI, alle 21: 30, per Racconti di donne del sud, si terrà la rappresentazione di Le predestinate di Dino Cassone. Dialoga con l’autore Valentina Castellaneta, giornalista.

 

● Per il progetto di Donna a Sud “Dalla parte di Lei”, alle ore 21:00, presso Palazzo Galeota, si terrà il seminario di Annamaria Pazienza dal titolo “Letizia in “Battaglia”: lo sguardo delle donne sulla mafia. Modererà Remo Pezzuto, referente provinciale Libera Taranto.

● Alle ore 20:30, per Racconti di donne del sud, in  Piazza delli Ponti, ci sarà la  Presentazione libro “Fringuella” di Michele Tursi. Dialogherà con l’autore Luisa Campatelli, giornalista.  Letture di Barbara Galeandro.

 

Pagina 13 di 74