Martedì, 07 Giugno 2022 15:31

ENERGIA/ Rexenia punta su una filiera dell’eolico da realizzare a Taranto In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Dopo aver costruito e inaugurato nel Mar Grande di Taranto, con in investimento di 80 milioni, il primo parco eolico offshore del Mediterraneo, la società Renexia mette in campo nuove iniziative legate allo sviluppo della filiera industriale. Lo ha detto a margine di un incontro con Confindustria Taranto il direttore generale di Renexia, Riccardo Toto. “Cominciamo un percorso - ha dichiarato Toto - speriamo che sia pragmatico. È un percorso legato a cinque punti che vanno dalla scuola all’idrogeno, dalla mobilità elettrica alle nuove tecnologie. Un progetto completo che spazia su molti punti speriamo si possa realizzare qui a Taranto”.

 

Per l’idrogeno, ha aggiunto Toto, “abbiamo un progetto, nel senso che ci piacerebbe aiutare i ragazzi ad entrare in questo mondo in maniera diversa rispetto a come stanno facendo adesso. Riteniamo che la produzione dell’idrogeno - e oggi erano presenti aziende che fanno già elettrolizzatori - possa essere il futuro e quindi cominciare con loro un percorso di partnership per poter poi cominciare a vendere idrogeno a terzi”. Per la mobilità elettrica, invece, ha detto il dg di Renexia, “noi ci rivolgiamo in particolari alle pubbliche amministrazioni con progetti a tutto tondo che vanno dall’efficientamento e installazione di colonnine alla fornitura di mezzi elettrici. Ci piacerebbe cominciare con qualche amministrazione della zona per andare avanti con questo tipo di progetto”. 

    Circa il funzionamento del parco eolico in Mar Grande costruito da Renexia e inaugurato lo scorso 21 aprile, parco composto da 10 pale, il dg Toto ha spiegato che le “pale sono tutte accese, quelle che stanno producendo energia sono 4, entro il mese saranno tutte e dieci e siamo assolutamente contenti. Le pale stanno entrando adesso in funzione”. Circa la possibilità di sviluppare a Taranto filiere industriali dell’eolico, il dg di Renexia ha detto che “nella nostra testa, nelle nostre idee, Taranto può diventare assolutamente il centro per una serie di progetti pilota. In particolar modo il primo di cui abbiamo parlato oggi è quello legato al moto ondoso per produrre energia. Faremo adesso i passaggi necessari con le varie autorità e poi ci piacerebbe cominciare a lavorare su questa cosa qui. Taranto può diventare per noi una sorta di centro di ricerca a cielo aperto, noi abbiamo una serie di progetti pilota”.

    Circa la fornitura di componenti per l’energia eolica, discorso questo che rientra nella filiera industriale, “abbiamo parlato prima con Leonardo - ha detto infine il dg di Renexia - e riteniamo che lo sfogo naturale di quest’area sia la produzione delle pale vere e proprie”.