Mercoledì, 25 Maggio 2022 15:49

BONIFICHE/ Usb sui dati forniti dai commissari Ilva “a rinunciare sono stati solo i soggetti fragili, come previsto dagli accordi” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nel corso dell’audizione sulle bonifiche davanti alle commissioni Ambiente e Attività produttive della Camera, i commissari di Ilva in amministrazione straordinaria hanno riferito di “una percentuale di lavoratori, parliamo dei cassintegrati ex Ilva in As, che si aggira attorno al 50%, che rifiuta il lavoro, nello specifico, appunto, le operazioni di bonifica. Quello che è invece davvero accaduto è che, durante l’emergenza sanitaria legata alla pandemia, è stata data la possibilità ai lavoratori più fragili dal punto di vista della salute, e quindi maggiormente esposti al rischio di contagio, di rimanere a casa”. Lo dichiara il sindacato Usb in merito a quanto dichiarato ieri alla Camera dai commissari Ilva secondo i quali nelle bonifiche sono stati impiegati a rotazione 400 cassintegrati in carico alla stessa società ma che dalla platea degli interpellati hanno ricevuto il 49 per cento di rifiuto al lavoro e quindi ad essere immessi nei piani delle bonifiche che stanno riguardando aree del siderurgico di Taranto. 

Ultima modifica il Mercoledì, 25 Maggio 2022 15:52