Lunedì, 23 Maggio 2022 18:58

30 ANNI DALLA STRAGE DI CAPACI/ Matilde Montinaro, “anche ‘i ragazzi della scorta’ hanno un nome” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Calimera nel Leccese ricorda il suo Antonio Montinaro, caposcorta di Falcone, con una cerimonia voluta dalla sorella Matilde. "Antonio non era solo un agente - racconta Tilde all'AGI - era un figlio, un marito, un padre, un fratello. Non era un eroe ma una persona semplice cresciuta con valori forti e sani, che del suo lavoro raccontava poco soprattutto perché mamma aveva subito un delicato intervento al cuore e non voleva preoccuparla. E soprattutto Antonio ha un nome, come Vito Schifani e Rocco Dicillo. Troppo facile dire 'i ragazzi della scorta'. Ed è grazie a mia madre Carmela che oggi quei nomi e quelli di tutte le vittime di mafia vengono letti, il 21 marzo, nella giornata a loro dedicata insieme a Libera. Perché nominarli significa conoscerli, dargli dignità, dargli vita"