Sabato, 22 Gennaio 2022 12:27

PAURA IN CITTÀ/ Sparatoria per strada a Taranto, feriti due poliziotti, uno è ricoverato, arrestato l’autore, una ex guardia giurata In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Due poliziotti sono rimasti feriti in un conflitto a fuoco questa mattina, intorno alle 11.30, in viale Magna Grecia a Taranto in un punto di grande transito. L’autore è stato arrestato. Ha sparato all’impazzato una decina di colpi di pistola l’uomo, già arrestato, che questa mattina a Taranto ha ferito due poliziotti. Alcuni colpi hanno anche infranto i vetri dell’auto di servizio degli agenti. Secondo quanto si è appreso, l’uomo, poco prima del conflitto a fuoco, avrebbe cercato di rubare un’auto. È stato peró notato da alcune persone che hanno così lanciato l’allarme al 113 descrivendone le caratteristiche. 

 

 La Polizia è giunta subito sul posto, in viale Magna Grecia, alla periferia della città, e lo ha individuato sulla base della descrizione ricevuta. Per fermare e controllare l’uomo ed evitare che scappasse, l’auto della Polizia ha anche preso contromano un tratto di strada. Ma quando gli agenti sono scesi e si sono avvicinati all’uomo, questi ha improvvisamente estratto la pistola e fatto fuoco. L’uomo è fuggito a piedi ma non è andato lontano. Un centinaio di metri dopo, all’altezza dei Giardini Virgilio, è stato subito bloccato. Dei due agenti feriti, quello colpito alla mano, ha riportato solo delle escoriazioni e dopo in controllo medico è già stato dimesso. L’altro poliziotto, invece, è stato ferito di striscio al torace. Non versa in condizioni gravi ma al momento è trattenuto nell’ospedale di Taranto, Santissima Annunziata, in osservazione. L’arrestato è una ex guardia giurata, Pantaleo Varallo, 42 anni, già conosciuto dalle forze di polizia. Lo rende noto il sindacato di Polizia Fsp, Federazione sindacato di Polizia, con i segretari Walter Mazzetti (generale) e Rocco Caliandro (provinciale Taranto). L’uomo, che ha esploso una decina di colpi, è stato fermato poco dopo.

    Il sindacato afferma che i due agenti sono “salvi per miracolo”, perché il 42enne “ha sparato ai finestrini” e chiede di “contestare il duplice tentato omicidio”. 

 

 Il sindacato ricostruisce anche l’episodio accaduto. “Un uomo, dopo un diverbio con il dipendente di una concessionaria di auto in cui aveva provato un veicolo, si è allontanato portandosi via le chiavi del mezzo. Dalla concessionaria è stata allertata la Polizia e, attorno alle 11.30 l’equipaggio di una Volante è arrivato in zona intercettando il sospetto che si trovava a bordo della propria auto in viale Magna Grecia”.

    “I poliziotti - afferma il sindacato Fsp - non hanno fatto in tempo ad avvicinarsi che l’uomo è sceso dall’auto scaricando l’arma contro il mezzo di servizio e i due agenti sono stati raggiunti uno da un colpo a una mano e l’altro al torace da un proiettile che, solo per pura fortuna, non ha colpito organi vitali”. Per il segretario generale Mazzetti, “solo grazie a un miracolo hanno salva la vita i due colleghi. A loro va tutta la nostra più reale solidarietà nella speranza che possano guarire nel più breve tempo e che possano, soprattutto, superare lo choc di vedersi sparare addosso, ad un’altezza tale che avrebbero potuto morire”.

    “L’assoluta gravità di quanto accaduto - prosegue - non è in discussione e ora ci aspettiamo che venga contestato il duplice tentato omicidio. Ora pretendiamo una giustizia severa, rapida e irremovibile”. 

All’uomo sono stati contestati i reati di duplice tentato omicidio, tentata rapina, porto illegale di arma fa fuoco e resistenza a pubblico ufficiale

 

Nelle prossime ore il gip del Tribunale di Taranto dovrà esprimersi sulla convalida. 

 

 

L’episodio ha suscitato clamore in città e sui social. Il luogo dove è avvenuta la sparatoria è di grande transito e frequentazione, tanto più che era sabato mattina e in un orario di punta. Tante le attestazioni di solidarietà ai due agenti e alla Polizia. Si sono espressi il consigliere regionale Puglia M5S, Marco Galante, il presidente di Confcommercio Taranto, Leonardo Giangrande, il presidente della Provincia di Taranto, Giovanni Gugliotti, il sindaco di Martina Franca, Franco Ancona, e l’ex sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci.