Martedì, 21 Settembre 2021 06:46

L’ARTE E LA DENUNCIA/ Una foto al giorno per documentare la nascita del murales dedicato a Giorgio da Jorit In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Una sequenza di foto, scattate sempre dallo stesso punto, una al giorno, per documentare la nascita del murales dedicato a Giorgio Di Ponzio, il bambino morto per cancro, che Jorit ha realizzato sulla parete di un palazzo del rione Tramontone a Taranto nell’ambito della seconda edizione del festival “T.R.U.St. – Taranto Regeneration Urban and Street” che ha portato 16 artisti a Taranto trasformando la città in una galleria a cielo aperto. A realizzarla è stata Cinzia Daeder. Le foto sono dalla finestra del poliambulatorio in cui Cinzia lavora.

“Immaginate un ragazzino di 15 - ha scritto Jorit sulla sua bacheca di facebook- Immaginate che si ammali di tumore

Immaginate che muoia 

Immaginate che un tribunale accerti che sia morto, non per casualità o sfortuna, ma perchè avvelenato da una grande industria, colpevole due volte perché consapevole di farlo. 

Ora immaginate che quel bambino sia vostro figlio… 

Come vi sentireste?

Così è come si sentono dal 25 gennaio 2019, Carla e Angelo i genitori di Giorgio”