Giovedì, 29 Luglio 2021 17:33

LA DENUNCIA/ Uilm “mentre ArcelorMittal macina utili i lavoratori sono alla fame” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“In sei mesi ArcelorMittal ha macinato utili per 5,3 miliardi di euro, il miglior risultato dal 2008, e ha distribuito ai propri azionisti 1,3 miliardi di euro. Nel frattempo, in Italia aumentano invece i lavoratori in cassa integrazione con un reddito da fame, oltre 4mila solo diretti, e la produzione fa registrare un record negativo: 3,5 milioni di tonnellate su base annua”. Lo dice Rocco Palombella, commentando i nuovi dati di bilancio di ArcelorMittal, il gruppo cui fanno capo anche gli impianti ex Ilva tra Taranto, Genova, Novi Ligure e Racconigi. “Aumentano le fermate degli impianti - dice Palombella -, si sospendono gli investimenti legati al risanamento ambientale e l’Italia continua a importare milioni di tonnellate di coils (4 milioni di tonnellate nel 2020) arricchendo anche ArcelorMittal nel mondo a discapito del nostro Paese. Grande capolavoro industriale”, conclude Palombella, che oggi ha anche scritto al ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti.