Mercoledì, 24 Febbraio 2021 19:28

STOP EMISSIONI/ Il sindaco di Taranto chiede ad ArcelorMittal il cronoprogramma dello spegnimento degli impianti come stabilito dall’ordinanza confermata dal TAR In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Il sindaco di Taranto, Rinaldo Melucci, attraverso la struttura tecnica della Direzione Ambiente, oggi ha chiesto ufficialmente a Ilva in Amministrazione Straordinaria e ad ArcelorMittal il cronoprogramma delle fasi di spegnimento dei reparti Altiforni, Cokerie, Agglomerazione e Acciaierie, compresi eventuali impianti funzionalmente connessi a questi. Il sindaco fa riferimento  a quanto disposto con l’ordinanza sindacale n. 15 del 27 febbraio 2020, relativa allo spegnimento degli impianti fonte di inquinamento, ordinanza che il Tar Lecce lo scorso 13 febbraio ha confermato respingendo i ricorsi di Ilva in amministrazione straordinaria, proprietaria impianti, e di ArcelorMittal, gestore in fitto degli stessi impianti. “Andiamo spediti nella direzione della tutela della salute dei tarantini - ha dichiarato oggi il sindaco - così come confermato recentemente dal Tar di Lecce. Ci auguriamo che il Consiglio di Stato, chiamato in causa sulla questione, tenga in debita considerazione le aspirazioni di una comunità di mezzo milione di persone”. ArcelorMittal ha intanto impugnato al Consiglio di Stato in appello la sentenza del Tar e sarà discussa nell’udienza dell’11 marzo prossimo. ArcelorMittal ha chiesto al Consiglio di Stato la sospensiva della sentenza Tar.