Venerdì, 29 Gennaio 2021 06:33

RIPARTENZE/ Leonardo slitta a marzo la ripresa dell’attività a Grottaglie In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Nello stabilimento Leonardo di Grottaglie (Taranto) si riprende l’attivita a marzo. Quest’ultima, che consiste nella costruzione di due sezioni di fusoliera in fibra di carbonio del Boeing 787, dopo un mese di chiusura collettiva con fermata della produzione, era inizialmente prevista come ripartenza dall’1 febbraio. Il rinvio lo ha ufficializzato l’azienda che ieri pomeriggio ha incontrato i sindacati. 

 

Lo slittamento della ripresa lavorativa è effetto dell’impatto che il Covid sta avendo su tutta la filiera industriale aeronautica come la stessa Boeing ha dichiarato. Il nuovo piano produttivo  di Boeing, denominato z50, ha annunciato oggi Leonardo ai sindacati, prevede 55 serie di fusoliera nel 2021 con una media di 5 al mese. Prima che scoppiasse la crisi Covid, Grottaglie produceva 12 coppie al mese ed aveva toccato anche un picco di 14. Di conseguenza, dicono le rsu aziendali dopo l’incontro con Leonardo, “il montaggio e gli enti di staff impattati dallo scarico di lavoro (ad eccezione delle ingegnerie) riprenderanno le attività il 22 marzo. Dall'8 marzo - ai aggiunge - inizia il rientro graduale in fabbricazione in base al reparto di appartenenza. Tutti i reparti verranno divisi in tre gruppi A B C”. L’azienda ha annunciato, dicono ancora le rsu, che “per quanto riguarda i 30 giorni di formazione procapite, nelle prossime settimane si concluderà il bando nazionale e si avranno i dettagli sulle modalità e tempi che verranno illustrati nelle prossime settimane in un incontro dedicato alla presenza delle segreterie territoriali”. Emerse intanto alcune criticità nel montaggio degli aerei 787. “L’azienda - annunciano i sindacati - ha comunicato  che nei siti Boeing è in corso da settimane l'ispezione sui Boeing 787 da parte dell' FAA. L’organo ispettivo sta individuando problemi nell'accoppiamento delle sezioni. Per far ciò a Charleston stanno smontando alcune parti sugli aerei finiti per effettuare questi controlli”. Le rsu concludono affermando che “servirannosettimanalmente alcuni lavoratori nel sito di Grottaglie, per fornire ricambi urgenti a Boeing e per le ispezioni delle sezioni nel sito”. A Grottaglie, Leonardo occupa circa 1300 unità. La costruzione delle due sezioni di fusoliera, cominciata più di 10 anni fa, è allo stato l’unica commessa di lavoro dello stabilimento che per la spedizione dei manufatti negli Usa (dove poi il 787 viene assemblato e ultimato) si serve dell’attiguo aeroporto. 

Ultima modifica il Venerdì, 29 Gennaio 2021 06:37