Venerdì, 18 Dicembre 2020 08:22

CORONAVIRUS/ Emiliano “no alla riapertura delle scuole dal 7 gennaio. Rientri? Meglio un test 72 ore prima” In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Dal 7 gennaio spero che quell’appello dei presidi sia accolto perché la scuola, purtroppo, è uno dei primi diffusori del contagio e bisogna evitare di far partire tutto insieme, altrimenti avremo altre migliaia di morti”. Lo ha detto Michele Emiliano intervenendo alla trasmissione “L’aria che tira” su La7 sposando la richiesta dei presidi che definiscono “impossibile” la riapertura il prossimo 7 gennaio e che invitano ad “avere prudenza”. Emiliano ha poi ricordato i provvedimenti adottati in Puglia per la scuola: “Abbiamo ridotto la didattica in presenza prima con una percentuale per evitare un eccesso di aggregazione, poi abbiamo inventato una nuova tecnica in cui partendo dal diritto alla salute ciascuna famiglia chiede la didattica a distanza o quella in presenza in modo che abbiamo la soddisfazione delle esigenze di tutti senza mandare in crisi per eccesso di assembramento il trasporto nelle classi”. 

Rientri: sarebbe meglio un 72 ore prima 

 

"Contiamo sul fatto che i pugliesi, i ragazzi ma non solo, che rientrano dal Nord verso la Puglia sanno quello che devono fare: se possono farsi nelle 72 ore prima della partenza un test per essere tranquilli, se quando arrivano non si catapultano ad abbracciare nonni e genitori, ma indossano le mascherine, fanno attenzione, dormono possibilmente in modo separato, meglio ancora". Lo ha dichiarato Emiliano. “Tutte queste regole, ormai, sono conosciute da tutti, quindi non c'è bisogno di una quarantena come ho dovuto fare a marzo quando, in questo modo, evitammo ben 200 focolai di infezione. Ci vuole buon senso", ha concluso il governatore.