Martedì, 24 Novembre 2020 07:42

VELA/ A Taranto la tappa italiana della SailGP, la competizione velica più veloce del mondo In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 A giugno 2021 il Mar Grande di Taranto ospiterà la tappa italiana di SailGP, la competizione velica internazionale più veloce del mondo che utilizza catamarani foiling F50 ad alte prestazioni. L’ufficializzazione della partecipazione di Taranto è stata annunciata in una conferenza stampa del sindaco Rinaldo Melucci e del vice Fabiano Marti.

   “Il campo di regata sarà Mar Grande - ha spiegato il sindaco - e faremo in modo che il Race Village e la scarpata di Lungomare possano essere accoglienti per gli spettatori nei due-tre giorni di gara”. Si attendono dagli 8 ai 10 equipaggi internazionali. “Manca ancora l’equipaggio italiano - ha specificato Fabrizio Manzulli, assessore allo Sviluppo economico - e noi ci auguriamo che nasca grazie alla prima volta di una tappa italiana. Ci sono equipaggi australiani, americani, inglesi, danesi, spagnoli, giapponese, gli stessi della Coppa America”. 

 

 L’evento SailGP partirà dalle Bermude - la cui partecipazione è stata ufficializzata anche oggi - poi farà tappa in Italia con Taranto, in seguito Inghilterra, Francia e Spagna, poi in Medio Oriente e la chiusura a San Francisco, con la finale, nel 2022. Le varie tappe sono intervallate da giorni di sosta. A Taranto arriveranno in 400, sono previste assunzioni in loco di personale, e la ricaduta indotta stimata tra spese dell’organizzazione sul territorio, ricettività e ospitalità, aziende fornitrici che devono occuparsi di installazioni e montaggi, si aggira tra i 10 e i 12 milioni di dollari.

   SailGP è una competizione creata da Larry Ellison, il fondatore di Oracle, e dal campione di vela Sir Russel Scout. A differenza di altre regate, tutti i team utilizzano uno scafo identico (F50) e utilizzano le stesse informazioni tecniche. Questo fa sì che l’esito delle gare sia determinato dalle sole capacità ed esperienza dei velisti e non dalla tecnologia. “Nonostante il periodo di crisi - ha dichiarato il sindaco di Taranto -, abbiamo l’obbligo di programmare la ripartenza della città e il suo nuovo sviluppo economico. Vogliamo porre delle pietre miliari da qui al 2026,quando ospiteremo la ventesima edizione dei Giochi del Mediterraneo, e migliorare la nostra capacità di essere attrattivi. Nell’evento di giugno 2021, abbiamo coinvolto Autorità portuale, Marina Militare, Coni, Lega Navale”. Melucci ha parlato di “una ricaduta multipla rispetto all’investimento, il nostro è di poco superiore ai 2 milioni. Mentre sui social media circa 90 milioni di persone seguono l’evento. A dicembre, l’organizzazione internazionale farà visita a Taranto e si presenterà”.

   “Tutto questo - ha aggiunto Melucci - ci aiuta a costruire a Taranto un modello di sviluppo alternativo. Non demonizziamo nessuno, però un evento come SailGp serve a far crescere e ad emancipare la comunità dalla monocultura industriale”. Per il vice sindaco Marti, “è un evento mondiale e Taranto entra in un importante circuito internazionale. È stato fatto un grande lavoro di squadra per arrivare a questo. È una gara di vela diversa da tutte le altre - conclude Marti -. Ci sono catamarani che correranno alle velocità di 50 nodi, poco meno di 100km orari. Planeranno sull’acqua”.