Mercoledì, 23 Settembre 2020 15:58

ALTA TENSIONE/ I lavoratori di ArcelorMittal inondano il cellulare di Emiliano di messaggi “non abbandonateci!” Oggi incontro al Mise In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

 In vista dell’incontro di oggi alle 17 al Mise tra il ministro Stefano Patuanelli e i sindacati metalmeccanici sulla crisi ArcelorMittal, molti lavoratori del siderurgico di Taranto, soprattutto tra quelli in cassa integrazione, stanno inviando in queste ore sms e vhatsapp al governatore Michele Emiliano il cui numero di cellulare è sostanzialmente pubblico per averlo fornito tante volte lo stesso Emiliano. La richiesta degli operai al riconfermato presidente della Regione Puglia è quella di tenere la guardia alta sulla vicenda e di assicurare la sua presenza e il suo sostegno. 

 

 “Governatore - si legge in uno dei messaggi ad Emiliano - sicuramente ha già ricevuto altri messaggi di aiuto per la questione ex Ilva ArcelorMittal. Siamo sul punto di non ritorno, esasperati con appena 800/900€ euro al mese per cassa integrazione Covid. Come saprà la situazione è giunta al midollo e c’è il rischio di collasso totale nonché esasperazione ai massimi livelli. Le chiedo di rappresentarci e di risolvere questa situazione”. E in in altro messaggio a Emiliano si legge: “Salve signor Emiliano, siamo un gruppo ArcelorMittal di Taranto esasperati dalla situazione lavorativa. Oggi ci incontreremo davanti alla portineria direzione alle 16 aspettando una risposta dallo Stato che avrà l’incontro con i nostri segretari come credo lei già sappia. Sarebbe gradita la vostra presenza come governatore di Puglia - prosegue il messaggio degli operai ad Emiliano - o di chi la rappresenta qui a Taranto. Non abbandonateci”. Intanto da i sindacati Fim Cisl, Fiom Cgil, Uilm e Usb viene precisato ai lavoratori del siderurgico che “Lo sciopero di 24 ore proclamato per la giornata di domani,è al momento confermato e subirà possibili variazioni soltanto in caso di risposte positive che emergeranno dall’incontro odierno con il Mise. Sarete aggiornati subito dopo l’incontro”. 
(foto Leccecronaca.it)