Mercoledì, 05 Agosto 2020 18:34

CORONAVIRUS/ In Puglia 23 nuovi casi, di questi 12 sono attribuibili a cittadini provenienti da fuori regione In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sono 23 i casi positivi al Covid segnalati nell'ultimo bollettino epidemiologico della Regione Puglia: si tratta del numero più alto di contagi da molte settimane. I due focolai più consistenti continuano ad essere in provincia di Foggia e di Lecce (dove sono stati segnalati rispettivamente 9 e 8 casi); 3 in provincia di Bari, 2 in provincia di Brindisi, 1 riguardante un residente fuori regione. Non sono stati registrati decessi. 

Dall'inizio dell'emergenza sono stati effettuati 249.211 test e risultate positive 4.678 persone. 3973 sono i pazienti guariti; 152 sono i casi attualmente positivi.

Dodici dei 23 nuovi casi di Covid verificati ieri dalla Regione Puglia, a fronte di 2.630 test effettuati, sono attribuibili a cittadini residenti in altre regioni d'Italia o altri paesi, giunti in Puglia prevalentemente per vacanze. Un cittadino rumeno e uno in arrivo da Roma sono risultati positivi dopo i test effettuati dall'Asl di Brindisi. Anche uno dei tre positivi in provincia di Bari è un cittadino arrivato da un'altra regione. A Foggia, invece, 8 dei 9 casi fanno riferimento a un focolaio familiare individuato nei giorni scorsi, mentre il nono è un cittadino senegalese che era stato ricoverato per pregresse patologie. Nel Salento, tutti gli 8 casi riguardano persone non residenti in Puglia. 

Sono tutti migranti, arrivati nei giorni scorsi in Salento a bordo di imbarcazioni di fortuna, le 8 persone positive al Covid individuate in provincia di Lecce. L' Asl, tramite il direttore generale Rodolfo Rollo, chiarisce che si tratta di cittadini stranieri il cui arrivo è stato gestito dalla Prefettura di Lecce. "L' Asl - spiega il dg -è intervenuta in sinergia con le forze dell’ordine per le tempestive valutazioni sanitarie e l’effettuazione dei tamponi. I casi sospetti sono già stati inviati in strutture idonee per l’isolamento”.