Giovedì, 09 Luglio 2020 15:36

ALLARME SICUREZZA/ Incidente in ArcelorMittal, coinvolti quattro lavoratori, un ferito In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

“Ennesimo infortunio nello stabilimento ArcelorMittal”. Lo annuncia Usb, precisando che non ci sono state gravi conseguenze per gli operai coinvolti. “È accaduto alle 10 di oggi - annuncia Usb - nel reparto Treno Lamiere dell’area Produzione lamiere 2. Si è verificato in fase di smontaggio della flangia di una tubazione nelle gallerie sottostanti al Treno Lamiere. La tubazione non era stata svuotata e i quattro lavoratori impegnati nell’operazione - ricostruisce Usb - sono stati investiti da un getto di acqua ad alta pressione. Tre sono stati sbalzati dal getto, il quarto è finito in infermeria dove è stato necessario procedere con alcuni punti di sutura alla testa. Nessuno ha riportato gravi conseguenze, ma per pura fortuna”. “Il caso ha voluto - dichiara Usb - che la flangia all’interno della tubazione si incastrasse, non fuoriuscendo dalla stessa. Se così non fosse stato, oggi parleremmo di conseguenze ben più gravi di quelle che registriamo”. 

 

“Olio e acqua sul pavimento (rischio scivolo), canali privi della copertura dei grigliati (pericolo inciampo), paranchi e gruette non omologati, instabile situazione strutturale della galleria sottostante: così si presenta il reparto in cui oggi si è verificato l’infortunio”, denuncia Usb. Il sindacato chiede “che vengano individuati preposti di manutenzione dell’area Pla/2. Tutto ciò - si rileva - costringe la nostra organizzazione sindacale a denunciare, per l’ennesima volta, l’assoluta e gravissima mancanza di interventi di manutenzione in tutti i reparti, cosa che ovviamente determina conseguenze per quel che riguarda la sicurezza, ma anche lo stato d’animo, certamente non sereno, con cui i lavoratori operano”. Usb chiede infine l’allontanamento di ArcelorMittal e ricorda che domani è il primo anniversario della morte del gruista Cosimo Massaro. La gru sulla quale lavorava agli sporgenti portuali della fabbrica, fu investita da una tromba d’aria la sera del 10 luglio 2019 che ne provocò il parziale crollo in mare. Il gruista fu scaraventato in acqua e il suo corpo senza vita fu ritrovato dai sub dei Carabinieri qualche giorno dopo. Il gruista non riuscì a mettersi in salvo. Nel novembre 2012 ci fu un incidente analogo allo stesso sporgente e alla stessa gru. L’impianto fu investito da un tornado e il gruista precipitò in mare perdendo la vita.