Lunedì, 25 Maggio 2020 17:40

CORONAVIRUS/ Da oggi al via i test sierologici in dieci Comuni della provincia ionica con il supporto della Croce Rossa In evidenza

Scritto da 
Vota questo articolo
(0 Voti)

di Antonio Notarnicola

Da oggi, lunedì 25 maggio e per tutta la settimana, inizia a Palagiano e in altri 10 centri della Provincia di Taranto, l'indagine sierologica per il Covid-19(Coronavirus) indetta da Istat e ministero della Salute. Gli altri centri della nostra provincia interessati all’indagine sono Massafra, Mottola, Ginosa e Taranto per il versante occidentale, Statte Pulsano, Faggiano, Leporano, Manduria, San Giorgio ionico.

A livello Nazionale il supporto all’indagine è affidata alla Croce Rossa Italiana, nel nostro caso saranno gli operatori della sezione CRI di Palagiano a curare gli aspetti preliminari mediante contatto telefonico, ai circa 60 cittadini palagianesi inseriti nel campione casuale dall’Istat, organizzando l’appuntamento nel centro prelievo dall’Asl di via Beato Egidio da Taranto, 19. Il numero delle persone da sottoporre a prelievo però potrebbe subire un aumento.

L’indagine sulla siero-prevalenza dell’infezione da virus Sars-Cov2 di Istat e ministero della Salute ha come scopo di capire quante persone abbiano sviluppato anticorpi al coronavirus, anche in assenza di sintomi.

La Croce Rossa curerà inoltre, il supporto logistico per il trasferimento dei campioni prelevati verso il laboratorio analisi regionale di Lecce. 

Le informazioni raccolte e catalogate sono necessarie per indirizzare politiche a livello regionale o nazionale e per modulare le misure di contenimento del contagio. Partecipare non è obbligatorio ma è fondamentale che i cittadini contattati diano il loro contributo: è un bene per se stessi e per le nostre comunità.

La circostanza è opportuna per far presente l’impegno profuso dalla CRI, sezione di Palagiano, nello straordinario impegno svolto in piena crisi della Fase1 o Lockdown, mettendo a disposizione professionalità e competenze, portando aiuto alla gente bisognosa per superare la peggiore emergenza sociale dal dopoguerra a oggi.